Sapiens 3012 punti

Contratto di compravendita

Nel contratto di vendita, entrambe le parti, cioè, venditore e compratore hanno delle obbligazioni.
Il compratore ha l'obbligo di pagare il prezzo e le spese della vendita. In mancanza del prezzo, che di norma è fissato dall'accrdo tra le parti, si applica il prezzo di mercato o di borsa, il prezzo normalmente utilizzato dal venditore oppure il prezzo viene stabilito dal un terzo.
Inoltre, il compratore, deve stabilire il tempo e il luogo della consegna.
Il venditore, invece, ha l'obbligo di consegnare il bene. La consegna del bene può essere materiale o simbolica. Deve, inoltre, comunicare il luogo in cui il bene si trova o in alternativa il proprio domicilio. Inoltre, deve garantire che il bene e privo di difetti e vizi. Ed infine, il venditore deve passare la proprietà al compratore.
Il nostro ordinamento italiano all'articolo 1490 parla della garanzia legale che riguarda il malfunzionamento, la difficoltà d'uso, la malattia dell'animale che rendono il bene inutilizzabile. I vizi, tuttavia, devono essere notevoli e che non potevano essere scoperti utilizzando la diligenza del buon padre di famiglia. Quindi, chi acquista beni con vizi ha diritto alla garanzia,ma ha l'onere di denunciarlo entro 8 giorni dalla scoperta ed un anno dalla consegna. Denunciati i vizi il compratore ha due possibili azioni:

- azione redibitoria, per ottenere la risoluzione del contratto;
- azione estimatoria, per ottenere una riduzione del prezzo.
Esiste anche la garanzia di buon funzionamento, che però deve essere prevista dal contratto. Se il bene da me acquistato a un grave vizio posso usufruire di tale garanzia, ma ho l'obbligo di denunciarlo entro 30 dì dalla scoperta e sei mesi dalla consegna.

Registrati via email