Il Rinascimento è un periodo caratterizzato da una grande rifioritura artistica e letteraria, ma anche dal pensiero umano . L'arte del Rinascimento si sviluppò a Firenze a partire dai primi anni del Quattrocento, e da qui si diffuse nel resto d'Italia e poi in Europa, convenzionalmente fino ai primi decenni del XVI secolo. Nel rinascimento gli artisti non lavorano più unicamente per la chiesa ma anche per i mecenati che danno all’artista oltre a una grande paga anche un sostegno economico e gli offrono vitto e alloggio. C’è una grande considerazione dei prodotti artistici greco-romani come modelli, e si riacquistano i valori laici e il conseguente ideale dell'armonia, della bellezza e della proporzione; in più venne inventata la prospettiva. Il Rinascimento è caratterizzato da:
 Scoperte geografiche
 Mecenatismo
 Cultura laica
 Concetto artistico di armonia, bellezza e di proporzione
 Classicismo

 Invenzione della stampa
 Sviluppo del pensiero scientifico
 Umanesimo
L’artista più importante del rinascimento è Sandro Botticelli: nato a Firenze nel 1455. Era l’artista personale della famiglia dei Medici, infatti spesso apparivano nei suoi dipinti (soprattutto Lorenzo il Magnifico) come nell’Adorazione dei Magi; e appariva sempre Simonetta Vespucci (amante di Giuliano dei Medici, era la donna più bella di Firenze. Il loro amore finì quando lei morì di tubercolosi e lui fu assassinato nella congiura dei Pazzi.). Le opere più importanti di Botticelli sono:
 La Primavera: in cui sono rappresentati (leggendo da destra a sinistra) Zefiro (vento impetuoso che soffia in primavera) Cloris (ninfa) Ora (la primavera che sparge fiori ovunque) Venere (dea della bellezza) le tre Grazie (Talia la prosperità, Eufrosine la gioia, Aglaia lo splendore) Cupido (che bendato lancia una freccia dell’amore) e Mercurio (che caccia via le nuvole temporalesche); nell’opera le figure sono collegate da un andamento lineare e sono collocate in un vero e proprio paradiso terrestre.


 La Nascita di Venere: Venere avanza leggera fluttuando su una conchiglia lungo la superficie del mare increspata dalle onde, in tutta la sua grazia e ineguagliabile bellezza, nuda e distante come una splendida statua antica viene sospinta e riscaldata dal soffio di Zefiro abbracciato a Clori con cui simboleggia la fisicità dell'atto d'amore, e muove Venere col vento della passione.
Botticelli dopo la grande protesta di Savonarola,( un prete fanatico che convinse tanti artisti a bruciare le loro opere in cui i protagonisti apparivano nudi ma considerato erotico venne ucciso) smise di realizzare queste grandi opere ma fece dei dipinti moralisti come la Calunnia di Apelle. Ma da quel momento fu escluso e quindi si ritirò dal ruolo di pittore e morì in un momento di debolezza.

Ma molto importanti furono anche i seguenti artisti:
 Piero della Francesca: è stato un pittore e matematico italiano, profondo conoscitore della prospettiva. Operava soprattutto nell’Italia centrale. Il suo stile è ordinato e solare.

Andrea Mantegna: è stato uno dei principali artisti rinascimentali attivi nel nord Italia, contribuendo a diffondere il nuovo stile. Molto particolare è il suo talento di rappresentare figure scorciate o prospettiche.

Filippo Brunelleschi: è stato sicuramente l’artista che più di ogni altro ha contribuito alla nascita dell’arte rinascimentale. Uomo di grande genialità, a lui si deve sia la scoperta della prospettiva, sia la definizione del nuovo linguaggio architettonico rinascimentale.

Masaccio: è stato il primo pittore italiano che possiamo ritenere autenticamente rinascimentale. Con lui la grande pittura italiana iniziò a confrontarsi con la prospettiva, creando nel giro di pochi anni le fondamenta di quella grande rivoluzione stilistica che noi oggi definiamo appunto arte rinascimentale.

Donatello: è stato sicuramente il principale scultore italiano del XV secolo, creando con la sua opera un percorso straordinario: egli è stato il protagonista della nascita della scultura rinascimentale ma anche colui che riuscì a indicarne le vie di superamento. La sua cultura figurativa, infatti, rimase costantemente in bilico tra perfezione formale (di matrice decisamente rinascimentale) e valenze espressionistiche (che ritroveremo soprattutto nella scultura post-rinascimentale).

Hai bisogno di aiuto in Educazione Artistica per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email