Ominide 18 punti

Il "Viandante sul mare di nebbia" è l'opera più famosa di Caspar David Friedrich e fu realizzata nello stesso anno in cui si sposò, nel 1818. Nell'opera viene utilizzata la tecnica di olio su tela. Al centro della composizione,in primo piano, un viandante solitario si staglia in controluce su un precipizio roccioso, dando la schiena all'osservatore: ha i capelli scompigliati al vento, è avvolto in un soprabito verde scuro e nella mano destra, appoggiata al fianco, impugna un bastone da passeggio. È lui il vero centro del dipinto anche se ben poco si sa su quest'uomo, a parte la sua natura vagabonda e introversa. Secondo alcune testimonianze, sotto le vesti del pellegrino vi sarebbe un colonnello defunto, amico del Friedrich che con questa tela ne volle conservare vivo il ricordo.
Il viandante è proteso sull'orlo di uno sperone roccioso inospitale, privo da ogni vegetazione, ma collocato in una posizione rialzata che gli consente di contemplare il panorama che gli si apre davanti. Si tratta di una valle da un misterioso fascino, avvolta dalla foschia come se fosse mare (da cui il titolo dell'opera): dal «mare di nebbia» sporgono delle cime, sulle quali si può notare la presenza di alberi e vegetazione. In lontananza, a sinistra si ergono sbiadite montagne che digradano verso destra. Più oltre, la nebbia si espande in modo indefinito arrivando a mescolarsi con l'orizzonte e a diventare indistinguibile dal cielo nuvoloso.

Il paesaggio è cioè scandito da diversi piani di profondità e noi percepiamo le distanze mediante il progressivo sfocarsi dei colori e dei contorni.
Per Friederich l'uomo non domina la natura ma si perde di fronte alla sua grandiosità per cui la contemplazione diventa, in chiave romantica, un'esperienza interiore e spirituale. L'artista diceva, infatti, che “il Divino è ovunque, anche in un granello di sabbia” per cui sembra che nella maestosa e "divina" natura egli abbia voluto cercare risposte di fede.

Hai bisogno di aiuto in Educazione Artistica per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email