Erectus 326 punti

Damien Hirst e "The Tranquility of solitude

Damien Hirst

Damien Hirst è nato a Bristol nel 1965. È uno dei principali esponenti degli YBAs (Young British Artists). È divenuto famoso negli anni novanta grazie ad una serie di opere in cui corpi di vari animali (squali, pecore, mucche...) sono imbalsamati e immersi nella formaldeide, un potente battericida, che rallenta la decomposizione dei corpi. È stato fortemente influenzato da Francis Bacon, pittore irlandese che ammirava molto. La morte è il tema centrale delle opere di Hirst. Il suo obiettivo è creare immagini memorabili, che lascino un segno nella coscienza dello spettatore: non importa l’arte, ma lo shock che provoca. Secondo l’artista, l’importante è comunicare idee, essere un marchio. Le sue opere sono state duramente contestate dagli animalisti. Hirst si è difeso, dicendo che vengono utilizzati animali morti di malattia o uccisi al macello. Nel 2009, tuttavia, ha decorato una bicicletta per Lance Armstrong utilizzando centinaia di ali di farfalle, anche molto rare, di cui ha dichiarato di non conoscere la provenienza.

o o o o o o

Lettura dell’opera

Autore: Damien Hirst
Titolo: The Tranquility of Solitude (for George Dyer)
Anno: 2006
Dimensioni: trittico: 228 x 172,2 x 97,6 cm ciascuno
Materiali: vetro; acciaio inox dipinto; acciaio inox; rasoio, coltelli e scalpelli d’argento; ferro dipinto; silicone; acrilico; lavandini di porcellana e cromati; sanitari di porcellana e bakelite; tegole di porcellana; intonaco; plastica; peltro dipinto; bottiglia di vodka; resina; siringa di vetro; cucchiaio di acciaio inox, luci LED; orologio; pecore; formaldeide
Collocazione: Londra, Gagosian Gallery
Descrizione: Nel primo modulo, una pecora si trova in un bagno con una siringa conficcata in una zampa. Ha la bocca spalancata in un urlo di agonia. Nel secondo, un’altro ovino è squartato e appeso sopra ad un lavandino. Nel terzo, l’animale è seduto su un gabinetto e sta vomitando in un lavandino. Tutti i moduli sono racchiusi tra pareti di vetro e riempiti di formaldeide azzurra.
L’opera è ispirata ad un quadro di Francis Bacon, May-June 1973. George Dyer, amante di Bacon, morì di overdose a Parigi, alla vigilia dell’apertura della retrospettiva di Bacon al Grand Palais, nel 1971. Da allora Bacon gli dedicò molti dei suoi dipinti.
Hirst non aveva provato lo shock di trovare una persona cara morta nel proprio vomito, quindi l’opera non è intensa quanto May-June 1973. Ciò che Hirst ci vuole comunicare è racchiuso nel titolo. The Tranquility of Solitude (la tranquillità della solitudine) ci ricorda che, abituati a scene di estrema violenza che i media ci propongono, siamo spesso indifferenti all’orrore, e consideriamo questa come “soltanto un’ altra ‘opera’ di Hirst”, siamo interessati soltanto a ciò che succede nel nostro piccolo e non consideriamo che altri stanno soffrendo (da cui la solitudine di Dyer).

Personalmente, ritengo giusto ciò che Hirst voleva comunicare, ma non condivido il modo in cui lo ha fatto. Anche se capisco che la sua intenzione è quella di attirare le persone e impressionarle per comunicare loro qualcosa, l’utilizzo di animali è un’azione deprecabile.

Hai bisogno di aiuto in Educazione Artistica per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email