Ominide 4076 punti

Giovanni Bellini, La Pietà

La Pietà segna la conclusione della fase giovanile di Giovanni Bellini.
Elementi riconducibili al Mantegna sono ancora presenti nella qualità quasi scultore a dei corpi e nell’accentuato linearismo; tuttavia, i colori sono più mordi, attenti al trascorrere della luce sulle superfici dei corpi e sul paesaggio di fondo.
Risulta evidente l’interesse per la pittura fiamminga, riscontrabile sia nella resa dei particolari e degli effetti materici, sia nell’intensa pateticità del dipinto.
Il dolore espresso dai personaggi è profondissimo e umano. E’ attonito in San Giovanni, incontenibile in Maria, il cui volto indurito sfiora l’espressionismo; in entrambi, però, domina una mirabile compostezza. L’asprezza e il concreto realismo del Mantegna si trasformano qui in morbido naturalismo.
L’eroismo epico del “maestro” si traduce in lirismo, in accordo emozionale tra figure, paesaggio naturale e osservatore.

Registrati via email