Ominide 30 punti

Variazioni numerarie

Visto che sono autonomamente determinabili, sono anche dette variazioni originarie, mentre quelle economiche variazioni derivate (che sono la risultante di variazioni numerarie).
Valori numerari certi: sono tutti quelli che esprimono quantità di moneta di conto esistenti presso le casse. Caratteristiche di questi valori è che sono certi, non sono cioè originati da stime, e che il valore nominale può variare al mutare delle condizioni di mercato. Generalmente le variazioni numerarie misurano variazioni economiche, però può accadere che VN non misuri VE, è il caso del versamento su un c/corrente di una data quantità in moneta. Non tutti gli scambi sono regolati in moneta, come il caso del pagamento a mezzo cambiali. Tali crediti e debiti in moneta di conto, che sostituiscono temporaneamente la moneta numeraria, nel regolamento degli scambi, sono detti "debiti e crediti di regolamento" ---> quelli la cui funzione è la stessa della moneta.

Questi C/D danno luogo a variazioni di conto, che vengono assimilate a quelle certe (della moneta), quindi queste vengono anche chiamate variazioni numerarie assimilate. Caratteristiche di queste è che il valore nominale resta invariato e, come le VN, misurano VE positive o negative. Questi C/D sono diversi per natura, in quanto possono avere scadenze differenti. E' necessario, quindi, distinguere VN certe, debiti e crediti, da quelle assimilate.
Variazioni di esercizio: si chiamano variazioni di esercizio i componenti di reddito rilevabili durante l'esercizio in derivazione di E/U numerarie. Per la rilevazione di queste variazioni, dovremo cercare di essere veloci e corretti perchè la rilevazione del reddito di esercizio è soggetta a due regole: immediatezza e correttezza, per far sì che in cassa vi sia un flusso continuo di denaro.
Per non essere soggetti a tali vincoli potremo classificare le variazioni secondo l'origine da ciò che le ha misurate. Es. -cassa +costi ---> la cassa acquista materie prime (si avrà una scrittura nel libro giornale...).
Altra caratteristica di tale rilevazione è che la rettifica di C/R sono registrate in diversi conti particolari, perchè può creare confusione il fatto che essi siano stati chiusi in esercizi precedenti. Tipico è il caso dei costi di riparazione che si giudicano ammortizzabili in più esercizi e sono addebbitati nel conto delle immobilizzazioni tecniche e rilevate come storni indistinti di costi.

Registrati via email