Quando viene redatto il piano aziendale,se esso ottiene l'approvazione della direzione aziendale e diventa quindi esecutivo, è necessario predisporre anche dei singoli piani di attuazione,distinti per funzione : ogni funzione dovrà raggiungere i suoi specifici obbiettivi , perchè possano essere realizzati gli obbiettivi generali del piano. L'esecuzione del piano prevede inoltre la redazione di particolari programmi operativi annuali che sono il budget di esercizio che vengono formulati il primo anno , dopo di che il piano sarà scorrevole, nel senso che il controllo farà in modo che siano apportate variazioni al piano stesso che poi saranno tradotte in nuovi budget. Il piano pertanto è e deve essere uno strumento flessibili da aggiornare e modificare ogni qualvolta cambino le condizioni interne ed esterne .

La programmazione

consiste nell'individuare i programmi operativi da attuare nel breve termine e le risorse necessarie per la loro attuazione .I programmi possono essere riferiti a una specifica area funzionale o a più aree oppure possono riferirsi all'azienda nel suo complesso e, nella loro definizione , devono essere coinvolti anche i manager delle singole divisioni.E' proprio in questa fase che avviene la diffusione degli obbiettivi , in quanto durante la definizione dei programmi l'organo direttivo comunica ai responsabili di livello inferiore gli obbiettivi prioritari e ne riceve informazioni su eventuali difficoltà , sulla fattibilità , sugli ostacoli o disfunzioni da superare e quindi sul funzionamento concreto dell'azienda. Il primo passo del processo di programmazione è la valutazione dello stato di attuazione dei programmi in corso . Da tale valutazione devono emergere le cause che determinano gli scostamenti , dopo di che si valuta la possibilità di insistere sull'attuazione dello stesso tipo di programma , portando modifiche organizzative o la necessità di modificare o sospendere il programma . Praticamente è proprio nella fase della traduzione concreta delle strategie in programmi , che emerge l'effettiva coerenza e adeguatezza degli obbiettivi strategici alle strutture organizzative dell'azienda e l'eventuale necessità di rapportare modifiche che possono riguardare a volte lo stesso piano strategico.

Registrati via email