Ominide 2989 punti

Operazioni di finanziamento


Quando l’azienda nasce la prima esigenza è quella di disporre di un ammontare di risorse che consenta di far avviare l’attività.
Queste risorse possono provenire dalle banche attraverso un prestito, dai soci nel caso dell’impresa retta in forma societaria.

Parliamo di operazioni di finanziamento a titolo di capitale di proprietà, e a titolo di capitale di terzi.
Nel primo caso sono risorse apportate da chi ha dato vita all’azienda, nel secondo caso si tratta di prestiti che la nostra azienda ha ottenuto da terzi.

Sono risorse per le quali non è prevista una scadenza. Le risorse saranno restituite al socio o quando va via o quando c’è la cessazione dell’attività, la liquidazione. Se il socio conferisce denaro in un impresa retta in forma societaria si aspetta una remunerazione perché se do il denaro a una società mi privo della disponibilità di quella somma di denaro per un tempo indeterminato. Mi aspetto allora di ricevere una remunerazione rappresentata dall’utile. Quindi se l’impresa ottiene risultati positivi, questi risultati positivi, cioè l’utile, possono essere in parte attribuiti ai soci. L’utile però viene fuori solo alla fine, cioè solo dopo aver remunerato tutti i fattori della produzione.

Le caratteristiche sono:
- non c’è una scadenza.
- e la remunerazione è residuale, dipende dai risultati ottenuti.

Parlare di attività economica da un punto di vista oggettivo vuol dire analizzare le operazioni di finanziamento investimento di trasformazione e di destinazione di ciò che si è prodotto.

Hai bisogno di aiuto in Economia & Ragioneria?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email