Ominide 2989 punti

All’impresa interessa capire fino a che punto conviene utilizzare i beni, perché potrebbe non esserci più convenienza.
Fattori produttivi sono serbatoi di utilità
Obsolescenza  termine che indica che un bene dal punto di vista fisico giuridico potrebbe ancora essere utilizzato, ma da quello economico no.
Si individua il concetto di vita utile o economica che è inferiore rispetto alla vita fisica/giuridica
Si aggiunge a tutto ciò il ruolo dell’innovazione tecnologica. Il suo procedere rende graficamente obsoleti i fattori pluriennali. L’innovazione tecnologica può portare ad un rapido invecchiamento dei fattori pluriennali.
Obsolescenza diretta: colpisce direttamente beni, fattori
Obsolescenza indiretta: ad essere colpito è il prodotto
Solo nella vita utile possiamo recuperare le risorse investite nell’approvvigionamento del bene, perché dopo andranno perse.

Dinamica dei valori
Uso il denaro per acquistare un fattore produttivo, dal fattore generico (denaro) si passa a quello specifico (il macchinario, l’energia elettrica…). Svolgo un’azione di scambio monetario, cedo la moneta in cambio del bene.
La quantità di risorse monetarie cedute nello scambio misura il costo d’acquisto cioè ci permette di determinare la grandezza di valore del costo di acquisto del fattore della produzione.
Il COSTO è sacrificio di risorse: ha un significato negativo in quanto si cede denaro. Ma questo sacrificio di risorse monetarie sarà pagato dal fatto che quel bene sarà utilizzato ai servizi produttivi e così l’impresa otterrà risorse iniziali.
Esce il denaro. A questa uscita si contrappone l’entrata di beni.
Impieghi economici  investimenti di carattere tecnico

Hai bisogno di aiuto in Economia & Ragioneria?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email