icaf di icaf
Sapiens 717 punti

MERCI E LORO DISTRIBUZIONE


Concetto di merce
La parola merce indica qualunque bene materiale che può essere trasportato e che è destinato a essere venduto.
La merce deve avere tre requisiti: la caratteristica della materialità, l’attitudine alla trasparenza e la destinazione allo scambio. La merce può essere classificata secondo:
- L’origine: animali, vegetali, minerali e miste;
- La provenienza: nazionali e estere (comunitarie e non comunitarie);
- Il valore: ricche (maggiore costo unitario) e povere (minore costo unitario);
- La destinazione: beni destinati all’utilizzo industriale, beni destinati all’uso strumentale e beni destinati al consumo.

Commercio e commercianti

La parola commercio indica l’attività professionale degli operatori economici che mediante atti di scambio fanno pervenire i beni dalle fonti di produzione sino ai consumatori finali. Definiamo operatori commerciali o commercianti coloro che professionalmente acquistano e vendono merci a scopo di guadagno senza far loro subire trasformazioni materiali.
Le funzioni svolte dai commercianti sono:
- Reperimento delle merci: ricerca delle fonti produttive;
- Trasferimento nello spazio: acquista sui mercati d’origine fino alla località di consumo;
- Trasferimento nel tempo: formazione di scorte durante la produzione e smaltimento durante il consumo;
- Adottamento quantitativo: frazionamento o raggruppamento delle partite di merci per adeguarle ai prossimi compratori;
- Adattamento qualitativo: partite di merci omogenee per soddisfare le diverse esigenze di consumatori;
- Finanziamento: anticipi verso i fornitori, dilazioni di pagamento ai clienti, operazioni che creano il credito mercantile, il credito commerciale che è molto utile nel sistema economico;
- Orientativa per l’industria: indicazioni dei commercianti ai produttori sui consumatori finali;
- Sviluppo delle vendite: allargamento del mercato e ampliamento dello smercio.

Concetto di distribuzione
La distribuzione comprende l’intera operosità economica dei soggetti che agiscono per far defluire i beni dalle primarie fonti produttive ai consumatori.

Aspetto distributivo
Le imprese possono operare per conto proprio o per conto di terzi.
Nell’ambito dei commercianti, le imprese si distinguono in imprese commercianti all’ingrosso (acquistano merci dei produttori per rivenderle) e in imprese commerciali al dettaglio (acquistano dal produttore per rivenderle al consumatore finale) che a loro volta si distinguono in imprese del piccolo dettaglio e imprese del grande dettaglio.

Tecniche di ricarico
Il ricarico è la differenza tra il prezzo di vendita e il costo primo unitario di una merce; viene di solito espresso in termini percentuali e la sua misura dipende sia dal comportamento delle imprese concorrenti sia della politica di vendita che l’impresa vuole attuare.
Il ricarico viene calcolato applicando una percentuale che rappresenta il margine lordo che dovrebbe consentire all’impresa di coprire tutti gli altri costi aziendali e possibilmente di ottenere il profitto.
Costo primo + ricarico = prezzo di vendita
Prezzo di vendita – costo primo = ricarico
Ricarico sul costo primo d’acquisto = mark-on
Ricarico sul prezzo di vendita = mark-up

Registrati via email