MiK194 di MiK194
Habilis 2838 punti

Mercato

Il mercato è il luogo topografico dove avvengono gli scambi tra gli operatori. Gli operatori vengono distinti in offerenti e richiedenti.
Il mercato viene distinto in mercato all’ingrosso e mercato al dettaglio.
Un'mportante classificazione del mercato è quella che distingue i mercati in regime di libera concorrenza e in regime di monopolio.

Regime di libera concorrenza

È la forma più diffusa di scambio e prevede un'ulteriore classificazione in mercato perfetto e imperfetto. Il mercato si definisce perfetto quando obbedisce ai seguenti punti:
- Essere aperto a tutti gli operatori;
- Gli operatori devono essere privi di preferenza;
- I beni devono essere tra loro omogenei;
- Le contrattazioni devono essere trasparenti.
Se viene meno una delle condizioni sopra riportate, il mercato si definisce imperfetto.

Regime di monopolio

È una forma atipica del mercato, in quanto vi è un solo offerente e una moltitudine di richiedenti. L’offerente, in questo caso, è denominato monopolista.
Si distinguono tre tipi di monopolio:
- Monopolio legale: tipico è quello imposto dallo Stato in merito alla produzione e commercializzazione dei tabacchi (monopolio di Stato);
- Monopolio naturale: si verifica quando il proprietario di un belvedere o di una fonte impone un prezzo di accesso e di fatto monopolizza la risorsa;
- Monopolio di fatto: si verifica quando un’impresa spinge la produzione a costi molto bassi in modo tale da immettere sul mercato il bene ad un prezzo minore. In tal maniera, le altre imprese vengono di fatto eliminate.

Le forme più importanti di monopolio sono:
- Duopolio: compaiono due offerenti;
- Oligopolio: compaiono più offerenti;
- Monopolio bilaterale: compaiono un offerente e un richiedente;
- Monopsonio: compaiono molti richiedenti e un offerente;
- Oligopsonio: compaiono molti produttori e pochi richiedenti.

Nel mercato intereagiscono la legge della domanda e quella dell’offerta.
Legge della domanda: all’aumentare del prezzo di un bene diminuisce la domanda dello stesso e viceversa.
Legge dell’offerta: all’aumentare del prezzo aumenta la quantità del bene offerto e viceversa.
Prezzo d’equilibrio: è il prezzo che si forma tra la quantità del bene domandato e la quantità del bene offerto.

Hai bisogno di aiuto in Economia & Ragioneria?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email