Heckscher e Ohlin

Un’altra teoria è quella di Hecksher e Ohlin, e si propone lo scopo di cercare le cause dei differenti costi.
Tale teoria parte dal presupposto che ogni paese si specializza nella produzione di quei beni che richiedono l’impiego di fattori che esso possiede in abbondanza. La maggiore disponibilità di risorse posseduta consente di produrre quei beni a prezzi più convenienti.
Questa teoria, però, è stata contraddetta da una ricerca effettuata da Leontief.
Egli, infatti, osservò che gli Stati Uniti, nonostante la maggiore disponibilità di capitale, tendevano ad esportare beni che richiedevano l’impiego del fattore produttivo, a ad importare beni che richiedevano l’impiego del fattore capitale.
Secondo Leontief, Heschsher e Ohlin non avevano considerato:
- che molti paesi possono decidere di produrre beni indipendentemente dai fattori produttivi posseduti;
- che i lavoratori possono essere più o meno qualificati.

Proprio questo ultimo punto spiega il paradosso evidenziato da Leontief: è vero che gli Stati Uniti esportano beni ad elevato contenuto di lavoro, ma si tratta di un lavoro molto qualificato, che come tale richiede l’uso di capitali adeguati.

Registrati via email