Aleksej di Aleksej
Mito 20002 punti

Sviluppo sostenibile

Dal Rapporto della Commissione mondiale per l'ambiente e lo sviluppo: "Per sviluppo sostenibile si intende uno sviluppo che soddisfi i bisogni del presente senza compromettere la capacità delle generazioni future di soddisfare i propri." I concetti chiave sono la soddisfazione dei bisogni estesa a tutti gli abitanti della Terra, in particolare ai più poveri, e la responsabilità verso i posteri, ai quali bisogna poter consegnare uno stock di riserve adeguato e un ambiente senza gravi squilibri. Lo sviluppo non deve tener conto soltanto del reddito economico e della quantità dei beni prodotti ma anche della qualità dell’ambiente e della qualità della vita, che comprende le condizioni sanitarie, culturali e sociali della popolazione. Lo sviluppo sostenibile si basa su tre principi fondamentali: integrità dell’ecosistema, efficienza economica ed equità sociale.
L’integrità del sistema consiste nel mantenere il geosistema e gli ecosistemi integri, non solo limitando prelievi ed emissioni di gas inquinanti ma evitando ogni alterazione irreversibile.

Il concetto di efficienza economica va inteso in senso ecologico, cioè considerando non solo i costi e i vantaggi immediati connessi con l’uso delle risorse e dell’ambiente, ma anche quelli a lungo periodo. È efficiente un sistema economico che garantisce il massimo della produzione e di consumi compatibili con gli equilibri ecologici, permettendo di mantenere costanti nel tempo le potenzialità dell’ambiente. Mentre è considerato inefficiente un sistema economico che produce in perdita, ossia che dà profitti distruggendo progressivamente il capitale Terra.
L’equità sociale va riferita a due scale temporali, quella intragenerazionale cioè all’interno di ogni comunità umana in un determinato momento storico e intergenerazionale cioè riferita alle generazioni future. L’equità intragenerazionale consiste nella possibilità di accedere alle risorse, come equa distribuzione dei redditi e come diritto di ogni persona alla propria cultura, religione ed idea politica. L’equità intergenerazionale consiste nell’operare senza precludere alle generazioni future la fruizione dell’ecosistema e delle sue risorse almeno nella stessa misura e negli stessi termini con cui ne fruiscono le presenti generazioni.

Registrati via email