La contrattazione in Borsa

La rivoluzione informatica ha determinato la scomparsa della tradizionale Borsa gridata, la cui caratteristica era il fatto che gli operatori dichiaravano le proprie intenzioni di acquistare o vendere titolo, e facevano ciò ad alta voce, gridando appunto.
La contrattazione avveniva all’interno di appositi recinti denominati recinti alle grida.
Le grida hanno ora lasciato il passo alla Borsa telematica e, a partire dal 1991, la contrattazione continua ha gradualmente sostituito l’asta a chiamata.
Si realizza quindi la negoziazione continua dei titoli quotati, in quanto il suo funzionamento prevede la possibilità di incrocio automatico tra domanda e offerta di qualsiasi titolo del listino.
All’inizio del 1996 convivevano in Borsa due distinti sistemi di liquidazione: il sistema a termine, caratteristico della Borsa gridata e che disciplinava le contrattazioni dei principali titoli aziendale, ed il sistema a contanti, caratteristico della Borsa telematica e riguardante gli altri titoli.
La liquidazione a contanti, infine, inaugurata il 17 gennaio 1994 per soli 52 titoli, si è estesa gradualmente all’intero mercato fino a febbraio 1996, mese in cui si è avuta l’ultima liquidazione a termine.

Registrati via email