La concorrenza perfetta è una forma di mercato che nella realtà NON esiste. È la forma di mercato alla quale si deve tendere, costituisce l'estremo di una serie di tipologie di concorrenza ed è perfetta. Non esiste la perfezione nella realtà. Perché la concorrenza perfetta possa definirsi tale occorre che sussistano contemporaneamente, una serie di condizioni.
 
1. Prima condizione: il prodotto scambiato in concorrenza perfetta è assolutamente omogeneo. Un bene è assolutamente omogeneo , tutti gli imprenditori che producono e vendono in quel mercato, dove si vende UN solo bene= quello, lo producono esattamente uguale uno con l'altro, è identico. Non esiste un bene perfettamente omogeneo nella realtà, lo inventiamo e lo chiamiamo X. Tutti gli imprenditori che producono X lo producono tutti uguali. I consumatori che si trovano in quel mercato sanno che possono rivolgersi indifferentemente a uno qualsiasi dei produttori presenti sul mercato.
2. Se il bene è perfettamente omogeneo, il prezzo è identico, non è costruito dal singolo imprenditore nel rapporto con il cliente, ma è un prezzo che trae dal mercato, non può alzarlo ( non lo abbasserebbe perché è razionale).

3. In concorrenza perfetta, l'imprenditore si dice Price Taker, prende il prezzo dal mercato, non contribuisce a formarlo.
4. Se tutti producono la stessa cosa identica, e il prezzo è uguale per tutti i consumatori, sarà semplicissimo entrare in questo mercato per produrre quel bene, non ci sono barriere ad entrata. Chiunque può produrre il bene X. Le imprese sul mercato saranno tante, numerosissime imprese sul mercato, potenzialmente infinite.
5. Queste imprese sono piccole, di piccole dimensioni.

Hai bisogno di aiuto in Economia & Ragioneria?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email