Ominide 1144 punti

Il legno- composizione strutturale/ caratteristiche fisiche e meccaniche

Il legno è un materiale organico, non omogeneo e anisotropo, ovvero il suo comportamento cambia a seconda della direzione dello sforzo rispetto alle fibre.
Nel nostro paese l'utilizzo del legno è limitato alle piccole costruzioni con strutture prefabbricate.
Il legno utilizzato nelle costruzioni può essere suddiviso in due essenze a seconda della sua resistenza:
1)Essenze resinose:provengono da conifere come abete, larice, pino douglas;
2)Essenze dure e dolci o non resinose:provengono, invece, da latifoglie come quercia, castagno, pioppo...

Inoltre il legno viene suddiviso in 3 categorie a seconda della presenza più o meno marcata di imperfezioni ed impurità nella sua struttura:
1°categoria:a questa categoria appartengono i legni praticamente immuni da difetti ed imperfezioni, con le fibre perfettamente parallele all'asse e fra loro;

2°categoria:a questa categoria appartengono i legni con lievi imperfezioni, con le fibre non perfettamente parallele tra loro;
3°categoria:a questa categoria appartengono i legni non appartenenti alle altre due categorie.
Più il legno è compatto, maggiore è il modulo di Jang (E); più il legno è sottoposto ad ambienti caldi, inferiore è il modulo di Jang


Legno lamellare

Un incremento dell'impiego del legno nel nostro paese si è avuto con l'utilizzo del legno lamellare.
Il legno lamellare è composto da lamelle di forma concava incollate tra di loro, e possono presentare delle flessioni laterali.
Rappresenta un'alternativa all'acciaio nella realizzazione di grandi strutture come chiese, ponti ed edifici sportivi, in quanto gli elementi strutturali permettono di coprire grandi luci. Gli elementi il legno lamellare possono essere curvati con raggi di curvatura non inferiori a 160 volte lo spessore delle lamelle per legni resinosi e a 200 volte per i legni non resinosi.
Ha un'ottima resistenza al fuoco.
Le travi in legno lamellare generalmente non superano i 220 cm di altezza.
in passato le travi potevano, inoltre, essere sovrapposte quando superavano i 40 cm, utilizzano dei bulloni e piccole strutture, affinché potessero rimanere stabili, mentre il momento di inerzia veniva calcolato singolarmente per trave. Questa tecnica non viene praticamente più utilizzata. Le travi in legno lamellare presentano generalmente una sezione rettangolare ed il dimensionamento viene generalmente effettuato con l'uso di tabelle reperibili nei prontuari appositi.

Hai bisogno di aiuto in Architettura, Disegno e grafica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email