Habilis 2507 punti

Case a schiera

Case a schiera

Le case a schiera sono un tipo di abitazione molto comune in Italia e nel mondo. Infatti, il primo architetto a progettare una edificio a schiera fu l'architetto John Wood il Giovane, nato a Bath il 25 febbraio 1728 e morto a Batheaston il 18 giugno 1782. La casa a schiera è un'abitazione composta da più unità abitative, le quali sono poste una al fianco dell'altra. Spesso possiede un piccolo giardino e al suo interno c'è una scala che conduce ai vari piani dell'abitazione. Ogni unità abitativa è divisa da un'altra mediante un muro cosiddetto cieco, garantendo cosi l'isolamento acustico. La casa a schiera è generalmente sviluppata in altezza e profondità, in modo tale da agevolare l'aumento dei piani; ecco perché questa presenta un aspetto della facciata molto stretto.
Sono caratterizzate da:
- uno sviluppo da terra a cielo;

- Gli ingressi sono indipendenti;
- Gli spazi privati di pertinenza sono all'aperto;
- C'è un muro in comune con le unità affiancate;
- Ci sono due soli fronti, l’anteriore e il posteriore, a contatto con l’esterno.
Il modulo delle case a schiera è di forma rettangolare e ha un lato lungo il doppio dell'altro. Sono affiancate tramite il lato lungo (10-12m) ed il lato corto serve per l'illuminazione (5-6m).
Realizzando le case a schiera in linea retta, compare il problema dell'illuminazione. Le ultime unità abitative sono per tre lati esposte all'esterno, avendo così più luce rispetto alle altre. Per questo motivo esiste anche il metodo dell'affiancamento sfalsato grazie al quale si risolve il problema della luce di tutte le case a schiera, in quanto i moduli vengono posizionati diagonalmente.

Hai bisogno di aiuto in Architettura, Disegno e grafica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email