Genius 4929 punti

L'arco

L’arco è un elemento architettonico costituito da tanti conci soggetti a compressione che si reggono per mutuo contrasto, poiché sono sostenuti alle due estremità da elementi verticali detti PIEDRITTI. In un arco possono essere individuati i seguenti elementi caratteristici:
1 CONCIO elemento resistente a compressione costituente l’arco
2 2- CONCIO DI CHIAVE situato in corrispondenza della sommità dell’arco
3 INTRADOSSO corrispondente alla linea di delimitazione interna dell’arco
4 ESTRADOSSO corrispondente alla linea di delimitazione esterna dell’arco
5 PIEDRITTI (O SPALLE) elementi verticali sui quali si scaricano le forze trasmesse dall’arco
6 I PIANI DIIMPOSTA piani posti all’estremità superiore del piedritto , che forniscono l’appoggio al primo concio dell’arco
7 RAGGIO DELL’ARCO raggio del cerchio passante per l’intradosso
8 LUCE(l), o CORDA distanza esistente tra i fili interni di piani di imposta
9 FRECCIA (f) o MONTA distanza tra la corda dell’arco ed il concio di chiave
10 RENI DELL’ARCO sezione dell’arco inclinata di 30° rispetto al piano orizzontale
11 CATENA elemento che viene qualche volta utilizzato per neutralizzare la componente orizzontale delle forze trasmesse ai piedritti , contribuendo alla stabilità dell’arco

Approfondimenti

Il principio statico dell’arco
Lo studio del comportamento statico dell’arco è oggetto nel corso di costruzioni, ma il principio statico sul quale esso si basa è intuitivo: se all’architrave del trilite si sostituiscono elementi inclinati disposti in modo da contrastarsi a vicenda, essi risultano mutuamente sottoposti a sforzi di compressione che generano all’estremità dell’arco una spinta tendente a rovesciare verso l’esterno i piedritti.
La configurazione dell’arco dipende dal suo sesto cioè dal rapporto tra la freccia e la metà della luce, f/l mezzi gli archi possono dunque essere:
1 A SESTO RIBASSATO per valori di f (fratto)/ l mezzi minore di 1
2 A TUTTO SESTO per valori di f (fratto)/ l mezzi uguali di 1
3 A SESTO ACUTO per valori di f (fratto)/ l mezzi maggiori di 1
L’impiego delle strutture ad arco è ormai raro,perché la loro realizzazione comporta operazioni laboriose e maestranze esperte per la costruzione ed il disarmo è la centrina messa in opera dei conci.

COSTRUZIONE DELLA CENTINA:
La CENTINA è una struttura provvisoria in legno destinata a sostenere i conci e a dare la forma all’intradosso dell’arco. Essa può essere relativamente semplice nel caso di luci modeste, ma può anche richiedere soluzioni molto complesse nel caso di grandi luci.

MESSA IN OPERA DEI CONCI:
La messa in opera dell’arco procede dall’imposta verso il centro e si conclude con l’inserimento del concio di chiave che chiude l’arco. I conci possono essere di pietra oppure di mattoni pieni, nel primo caso è necessario tagliare ciascun concio in modo che le sue facce laterali combacino perfettamente con quella dei conci adiacenti; nel secondo caso occorre posare i mattoni, con giunti di spessore variabile tra il profilo d’intradosso e d’estradosso.

La volta

La VOLTA è una struttura che si può idealmente immaginare come costituita da tanti archi accostati tra loro fino a coprire un intero locale di un edificio.

Esistono diverse volte:
1 VOLTE A PADIGLIONE
2 VOLTE A CROCERA

Registrati via email