Ominide 2147 punti

Uguaglianza formale e sostanziale


Uguaglianza formale


Tutte le persone sono uguali davanti alla legge. E’ vietata qualsiasi forma di discriminazione fondata su sesso, razza, religione, opinione politica…
E’ affermata nella Carta UE e nella Costituzione.

Uguaglianza sostanziale


In caso di disuguaglianze di tipo economico e sociale, lo stato deve intervenire affinchè tutti si trovino nella stessa condizione giuridica ed economica.
Modalità di intervento: welfare state; infortunio sul lavoro, scuole gratuite, università semigratuite…

Minoranze linguistiche


In Italia vengono tutelate le minoranze linguistiche: si tutela la lingua e la cultura delle popolazioni ma anche le regioni (Trentino, Valle D’Aosta, Fruili).
La legge del 1999 prevede:
- L’insegnamento e l’uso della lingua della minoranza;
- La Pubblica Amministrazione ha l’obbligo di affiancare all’italiano la lingua della minoranza.

Parità fra donna e uomo


La parità fra uomo e donna non è ancora completamente attuata.
Questo principio riscontra diversità soprattutto nel mondo del lavoro.
Politica: Ci sono norme che consentono le quote rosa (percentuale di donne in politica).
Vengono però candidate in collegi in cui il partito ha poche possibilità di avere il candidato eletto.
Le donne hanno raggiunto l’uguaglianza formale, ma c’è una grave disuguaglianza sostanziale.
Lavoro: c’è la legge delle parti opportunità: le donne nei luoghi di lavoro possono essere ammesse alle promozioni alle stesse condizioni dell’uomo (in base alla quantità e la tipologia dei titoli).
Non ci devono essere discriminazioni a livello di scelta d’ufficio (-> mettono le donne negli uffici dove non si fa carriera).
Hai bisogno di aiuto in Diritto?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email