Ominide 2324 punti

Presidente della Repubblica in Italia e in USA- Differenze

Differenza del potere del Presidente negli Stati Uniti d’America e Repubblica italiana
Gli Stati Uniti d’America è una Repubblica presidenziale, mentre la Repubblica italiana è una Repubblica parlamentare.

Funzioni
Stati Uniti d’America: il potere esecutivo sarà conferito a un Presidente degli Stati Uniti d’America.
Repubblica italiana: il Presidente della Repubblica è il capo dello Stato e rappresenta l’unità nazionale.

Giuramento
Stati Uniti d’America: prima di entrare in carica, il Presidente dovrà fare il seguente giuramento o dichiarazione solenne ”Giuro (o dichiaro) solennemente che adempirò con lealtà ai doveri di Presidente degli Stati Uniti e col massimo dell’impegno preserverò, proteggerò e difenderò la Costituzione degli Stati Uniti”.

Repubblica italiana: il Presidente della Repubblica, prima di assumere le sue funzioni, presta giuramento di fedeltà alla Repubblica e di osservanza della Costituzione dinanzi al Parlamento in seduta comune.

Requisiti per l'elezione
Stati Uniti d’America: non sarà eleggibile alla carica di Presidente chi non sia cittadino degli Stati Uniti per nascita o cittadino nel momento in cui questa Costituzione sarà adottata, né potrà essere leggibile a tale carica chi non abbia raggiunto l’età di 35 anni e non sia residente negli Stati Uniti da 14 anni.
Repubblica italiana: può essere eletto Presidente della Repubblica ogni cittadino che abbia compiuto 50anni di età e goda dei diritti civili e politici.

Durata dell'incarico
Stati Uniti d’America: il Presidente degli Stati Uniti d’America rimarrà in carica per un periodo di 4 anni.
Repubblica italiana: il Presidente della Repubblica è eletto per 7 anni.

Stipendio
Stati Uniti d’America: a epoche fisse il Presidente riceverà, per i suoi servigi, un’indennità che non potrà essere aumentata né diminuita durante il periodo per il quale egli è stato eletto.
Repubblica italiana:l’ufficio di Presidente della Repubblica è incompatibile con qualsiasi altra carica. L’assegno e la donazione del Presidente sono determinati per legge.

Sostituzione
Stati Uniti d’America: in caso di destituzione del Presidente o in caso di decesso o dimissioni o di impedimento ad adempiere alle funzioni e ai doveri inerenti la sua carica questa sarà affidata al Vicepresidente.

Repubblica italiana: le funzioni del Presidente della Repubblica, in ogni caso in cui egli non possa adempierle, sono esercitata dal Presidente del Senato. In caso di impedimento permanente o di morte o dimissioni del Presidente della Repubblica, il Presidente della Camera dei deputati indice l’elezione del nuovo Presidente della Repubblica se le camere sono sciolte o manca meno di 3mesi alla loro cessazione.

Accuse
Stati Uniti d’America: il Presidente, il Vicepresidente e tutti i titolari di cariche pubbliche negli Stati Uniti saranno destituiti dal loro ufficio qualora, in seguito ad accusa mossa dalla Camera, risultino colpevoli di tradimento, di corruzione o di altri gravi reati.
Repubblica italiana: il Presidente della Repubblica non è responsabile degli atti compiuto nell’esercizio delle sue funzioni, tranne che per alto tradimento o per attentato alla Costituzione. In tali casi è messo in stato di accusa il Parlamento in seduta comune, a maggioranza assoluta dei suoi membri.

Poteri
Stati Uniti d’America: il Presidente informerà di tanto in tanto i membri del Congresso sullo “stato dell’Unione” e raccomanderà alla loro attenzione quelle misure che egli riterrà necessarie e opportune. Egli sarà Comandante in Capo dell’Esercito, della Marina degli Stati Uniti e della milizia dei diversi Stati, quando questa sarà chiamata al servizio effettivo degli Stati Uniti; egli potrà richiedere il parere scritto dei titolari di ciascuno dei Ministeri su ogni argomento inerente ai compiti dei loro rispettivi uffici, e avrà anche facoltà di concedere commutazioni di pena e la grazia per tutte le infrazioni di legge commesse contro gli Stati Uniti. Al Presidente sarà attribuito il potere di concludere trattati internazionali, sentito il parere e con il consenso del Senato, purché vi sia l’approvazione di due terzi dei senatori presenti. Egli proporrà e, sentito il parere e con il consenso del Senato, nominerà gli ambasciatori, altri diplomatici e consoli e i giudici della Corte Suprema. Potrà, in casi straordinari, convocare entrambe le Camere, oppure una di esse, e, in caso di dissenso tra le Camere circa i tempi d’aggiornamento, deciderà egli stesso a quando rinviare la seduta. Riceverà gli ambasciatori e altri diplomatici. Avrà cura che le leggi siano fedelmente applicate e conferirà la nomina ufficiale a tutti i titolari di cariche pubbliche degli Stati Uniti.

Repubblica italiana: il Presidente della Repubblica può inviare messaggi alle Camere. Indice le elezioni delle nuove Camere e ne fissa la prima riunione. Autorizza la presentazione alle Camere dei disegni di legge di iniziativa del Governo. Promulga le leggi ed emana i decreti aventi valore di legge e i regolamenti. Indice il “referendum” popolare nei casi previsti dalla Costituzione. Nomina, nei casi indicati dalla legge, i funzionari dello Stato. Accredita e riceve i rappresentanti diplomatici, ratifica i trattati internazionali , previa, quando occorra, autorizzazione delle Camere. Ha il comando delle Forze Armate, presiede il Consiglio superiore della magistratura. Può concedere grazia e commutare le pene. Conferisce le onorificenze della Repubblica. Il Presidente della Repubblica, può, sentiti i loro Presidenti, sciogliere le Camere o anche una sola di esse. Non può esercitare tale facoltà negli ultimi sei mesi del suo mandato. Nessun atto del Presidente della Repubblica è valido se non è controfirmato dai ministri proponenti, che ne assumono la responsabilità. Gli atti che hanno valore legislativo e gli altri indicati dalla legge sono controfirmati anche dal Presidente del Consiglio dei Ministri.

Elettori
Stati Uniti d’America: l’elezione del Presidente insieme a quella del Vicepresidente prescelto per lo stesso periodo avrà luogo secondo due modalità:

1. Ogni Stato nominerà un numero di Elettori, pari al numero complessivo dei senatori e dei rappresentanti che lo Stato ha diritto di mandare al Congresso;
2. Gli Elettori si riuniranno nei rispettivi Stati e voteranno, a scrutinio segreto, per due persone, delle quali una almeno non residente nel loro stesso Stato. Chi avrà ottenuto il più alto numero di suffragi sarà Presidente. La persone che, dopo l’elezione del Presidente, abbia raccolto il più alto numero di suffragio degli Elettori sarà nominato Vicepresidente.

Repubblica italiana:il Presidente della Repubblica è eletto dal Parlamento in seduta comune dei suoi membri. All’elezione partecipano tre delegati per ogni Regione eletti dal Consiglio regionale in modo che sia assicurata la rappresentanza delle minoranze. La Valle d’Aosta ha un solo delegato. L’elezione del Presidente della Repubblica ha luogo per scrutinio segreto a maggioranza di due terzi dell’Assemblea. Dopo il terzo scrutinio è sufficiente la maggioranza assoluta.

Registrati via email