Ominide 2147 punti

Diritto alla famiglia


Art.9 Carta UE: ogni cittadino dell’UE ha il diritto di sposarsi e il diritto di costituire una famiglia.

Parità tra moglie e marito


La parità tra uomo e donna deve esser realizzata anche nella famiglia.
Prima della riforma del diritto di famiglia (19 maggio 1975), il marito era a capo della famiglia e la donna doveva assumere il cognome dell’uomo, e seguirlo ovunque stabilisse la sua residenza.
La riforma del 1975 ha stabilito che:
- Il marito non è più il capo della famiglia;
- Entrambi i coniugi devono concordare l’indirizzo della vita familiare;
- La fedeltà coniugale deve essere reciproca;
- La famiglia si basa sulla collaborazione dei coniugi;
- La moglie aggiunge il cognome del marito al suo.

In caso di disaccordo il giudice stabilisce quale parere prevale.

Il matrimonio


Art.29 Cost: la Repubblica riconosce i diritto della famiglia come società naturale fondata sul matrimonio.
E’ considerata una conseguenza naturale della struttura sociale (stampo cattolico).
L’unica famiglia “legittima” è considerata quella del matrimonio, non si tiene conto della convivenza.
Il matrimonio in Chiesa produce effetti civili se il parroco trasmette l’atto in comune (sotto volere degli sposi). Il matrimonio canonico diventa civile. (-> il vedovo perde la pensione del marito defunto e non deposita l’atto).
Hai bisogno di aiuto in Diritto?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email