Habilis 7403 punti

La costituzione


Il regime fascista terminò il 25 luglio 1943, quando il re Vittorio Emanuele III, revocò a Mussolini l’incarico di Capo del Governo; quando questo accadde la guerra non era ancora finita e l’Italia era ancora alleata con la Germania nazista, e nonostante ciò venne ripristinata la libertà e riapparvero i partiti politici che il fascismo aveva cancellato. Questi partiti politici si riunirono tutti nei Comitati di liberazione nazionale per collaborare alla rifondazione dello Stato dopo il crollo del fascismo.
Alla fine del fascismo ci furono due problemi.
-scelta fra monarchia e repubblica
-elaborazione di una nuova costituzione democratica
La Guerra finì il 25 aprile 1945 e l’anno seguente il popolo italiano per la prima volta fu messo in condizione di pronunciarsi democraticamente. Così il 2 giugno 1946, gli elettori furono convocati per dare un duplice voto. Per il referendum istituzionale e per l’elezione dei deputati dell’assemblea costituente. Alla fine la Repubblica prevalse sulla monarchia. Così in Italia si affermarono tre schieramenti:
-Quello cattolico della Democrazia Cristiana
-Partito Comunista
-Partito Socialista
Tra questi partiti si stipulò un patto, che non era nata dall’imposizione di una forza sulle altre come accadeva in passato.
La Costituzione fu promulgata il 27 Dicembre 1947 ed è entrata in vigore l’1 Gennaio 1948. La Costituzione è:
-Rigida: vuol dire che non può essere modificata per mezzo di una legge ordinaria, ma richiede procedure più complesse e maggioranze più ampie.
-Democratica: che vuol dire che è stata votata da un’assemblea costituente, votata a sua volta dai cittadini.
-Lunga: appunto perché contiene molti articoli

Registrati via email