Sapiens 3012 punti
Il contratto di lavoro a tempo determinato

Il contratto di lavoro a tempo determinato è il contratto in cui è stato prefissato un termine finale del rapporto di lavoro ( viene perciò chiamato anche contratto a termine). Il Decreto legislativo 368 del 2001, in attuazione della Direttiva europea numero 70 del 1999, ha liberalizzato il ricorso a questo tipo di contratto. Infatti, i datori di lavoro possono ora assumere dipendenti temporanei non già soltanto in alcuni casi tassativi, ma ogni qualvolta sussistano ragioni di carattere tecnico, produttivo, organizzativo secondo quanto stabilito dal Decreto legislativo 368 del 2001.
Il contratto di lavoro a tempo determinato è stato vietato soltanto quando e diretto a sostituire lavoratori in sciopero oppure quando nella stessa unità produttiva si sia proceduto nei sei mesi precedenti a licenziamenti collettivi o se vi è in corso una riduzione degli orari lavorativi, con mezza in cassa integrazione di lavoratori adibiti alle stesse mansioni cui si dice il contratto a termine.
Il termine fissato nel contratto può essere prorogato una sola volta e soltanto quando il termine iniziale sia inferiore ai tre anni. La durata complessiva tuttavia non può essere superiore a tre anni. Se il datore di lavoro non rispetta queste regole, il contratto di lavoro si trasforma direttamente a tempo indeterminato.
Hai bisogno di aiuto in Diritto?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email