Sapiens 3012 punti
Il contratto estimatorio

Il contratto estimatorio è il contratto con cui una parte consegna una o più cose mobili all'altra parte che si obbliga a pagarne il prezzo, salvo che restituisca le cose nel termine stabilito. Il contratto estimatorio nella pratica viene anche chiamato contratto in conto deposito.
Al contrario di quanto avviene con la concessione di vendita e con il franchising, con questo contratto il rivenditore viene sollevato del rischio della mancata vendita delle merci: questo rischio rimane, infatti, a carico del produttore.
Si tratta del contratto acui si ricorre normalmente per la distribuzione di giornali, libri o anche oggetti di oreficeria.
L'editore, per esempio, consegna in conto deposito al giornalaio un certo numero di copie di giornali e questi si impegna a pagare solo le copie vendute e a restituire quelle invendute, il rischio della mancata vendita rimane perciò solo a carico dell’editore.
Il contratto estimatorio è un contratto reale, in quanto si perfeziona con la consegna della cosa. Chi riceve la cosa assume il rischio del perimento per caso fortuito della cosa stessa: egli, infatti, è tenuto a pagare il prezzo se la restituzione della cosa diventa impossibile per causa a lui non imputabile.
Colui che ha consegnato la cosa perde i poteri di disporne, ossia il potere di venderla ad altri, fino a che la cosa non sia stata restituita (questo potere spetta soltanto al ricevitore).
I creditori di quest'ultimo non posso sottoporre la cosa a sequestro o a pignoramento, finché non sia stato pagato il prezzo.
Hai bisogno di aiuto in Diritto?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email