Bannato 1011 punti

Può invece accadere che il proponente non intenda aspettare l'accettazione avendo interesse a che il contratto sia subito eseguito. A tal proposito,ci sono dei contratti che hanno un’esecuzione anticipata: sono quei contratti che su richiesta del proponente o per la natura dell’affare non necessitano di una preventiva accettazione per iniziare un’esecuzione. (c.d. accettazione tacita).
L'art. 1327 si riferisce proprio all’esecuzione prima della risposta dell'accettante
quando per richiesta del proponente o per la natura del contratto la prestazione debba eseguirsi senza una preventiva risposta, bisognerà comportarsi in questo modo.
Nel momento in cui l’accettante avvia l’esecuzione,il contratto si intende concluso nel tempo e nel luogo d’inizio dell’esecuzione e il proponente non può avvalersi del diritto di revoca.0
L’accettante(l’oblato) può concludere il contratto senza attendere che l’accettazione giunga alla controparte,ma ha l’obbligo di mettere a conoscenza il proponente dell’avviata esecuzionepenail risarcimento danni.

La proposta e l'accettazione possono anche essere revocate fino a quando il contratto non sia concluso; vediamo come l'art. 1328 c.c. affronta il problema
Revoca della proposta e dell'accettazione
La revoca della proposta deve giungere a conoscenza dell’accettante (deve essere inviata all’oblato) prima che sia giunta la sua accettazione.
Tuttavia, se l'accettante ne ha intrapreso in buona fede l'esecuzione prima di avere notizia della revoca, il proponente è tenuto a indennizzarlo delle spese e delle perdite subite per l'iniziata esecuzione del contratto.

Hai bisogno di aiuto in Diritto?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email