Sapiens 2037 punti

Canto XXII

L'angelo della quinta cornice è rimasto alle spalle dei poeti, e ha cancellato la quinta P dalla fronte di Dante.Mentre salgono al sesto girone,Virgilio e Sazio continuano a discutere e Dante li ascolta.Virgilio dice di corrispondere la sua ammirazione e gli chiede inoltre, come l'avarizia lo abbia travolto.Ma Stazio gli risponde di essersi macchiato della colpa oppostà.Da quella colpa però fuggì in tempo per mezzo della lettura dell'Eneide, dove Virgilio ammunisce l'uomo contro la cupidigia dell'oro.Egli perciò gli è riconoscente.Virgilio gli chiede ancora quando egli si convertì alla fede cristiana, il cui merito viene attribuito ancora a Virgilio.Egli aiutò i cristiani perseguitati e ricevette il battesimo, ma nn si dichiarò apertamente.Perciò dovette restare quattrocento anni in quella cornice.Virgilio, sollecitato da Stazio, gli dice che nel Limbo ci sono molti poeti e che spesso parlano di poesia.Tra le 10 e le 11 del mattino, i tre poeti raggiungono la sesta cornice, dove vedono uno strano albero dai frutti profumati,a forma di un abete rovesciato.Dalla parete della roccia sgorga un'acqua limpida che bagna le foglie.Una voce, ammonisce i golosi, che non potranno mangiare ne frutti, ne acqua e li invita ad imitare la generosità della Madonna, durante le nozze di Cana;a seguire le virtù delle antiche donne romane e quelle del profeta Daniele.Esempi inoltre come gli uomini dell'età dell'oro e San Giovanni.

Registrati via email