Ominide 109 punti

Purgatorio-caratteristiche e struttura

Il purgatorio può essere definito come la cantica più terrena della Commedia grazie agli innumerevoli riferimenti ai luoghi propriamente terrestri. Qui vi è una concezione del tempo di tipo terrena, scansione non accidentale ma voluta appositamente dal Poeta. Infatti egli stesso afferma che le anime possono purificarsi solo in presenza del sole, mentre la notte viene descritta come un periodo di attesa. A differenza dell'inferno(che si può definire puramente statico in quanto nessun'anima dei dannati può migliorare la sua posizione) il purgatorio è dinamico. In questo regno le anime devono trascorrere nella penitenza un periodo frazionato delle diverse cornici. Il purgatorio, tra i 3 regni, è l'unico ad essere temporaneo, in quanto destinato a scomparire nel momento del giudizio universale. Inoltre è l'unico che prevede un'azione dei vivi sui morti. Contestualizzando, l'epoca in cui dante scrisse la Commedia(tra il 1304-1321) è caratterizzata anche dall' invenzione da parte degli uomini della chiesa di questo regno, al fine di poter vendere le indulgenze plenarie.

Differente è il rapporto tra Dante e le anime rispetto all'Inferno. Egli guardava quest ultime con disprezzo, mentre si sente affratellato con le anime del Purgatorio in quanto anche lui sta attuando un processo di purificazione. Diverse sono anche le condizioni delle anime. Infatti, mentre non potevano avere contatti tra di loro nel girone infernale, in Purgatorio esse vivono nella solidarietà e nel dialogo.
Un'altra differenza tra i due regni è la diversa disposizione dei peccatori.
Mentre dante nell'Inferno procede dall'alto verso il basso(ovvero dal peccato meno grave al più grave) nel Paradiso egli cammina dal basso verso l'alto(peccato più grave al meno grave).
Il Purgatorio è strutturato in 3 parti.
1)Antipurgatorio
2)Purgatorio
3)Paradiso Terrestre
L'antipurgatorio rappresenta lo spazio di attesa per le anime che non possono accedere subito alla salita al Purgatorio. Esso a sua volta suddiviso in 4 zone:
1)Zona degli scomunicati
2)Zona dei negligenti
3)Zona dei morti di morte violenta
4)Principi negligenti.
Come detto prima, all'antipurgatorio, segue il Purgatorio il quale è suddiviso secndo i 7 peccati capitali, il cui ordinamento è basato sul principio dell'amore. Essi sono in ordine:
1)superbia
2)Invidia
3)Ira
4)Accidia
5)avarizia
6)peccati di gola
7)Lussuria
Lo schema di ogni canto del Purgatorio è molto ripetitivo ed è così strutturato:
1)Nella prima parte abbiamo degli esempi positivi delle virtù opposte al vizio punito.
2) nella seconda parte abbiamo la visita da parte di Dante alle anime più celebri del girone.
3)Nella terza parte vi sono descritti degli esempi negativi del peccato
4)Nella quarta ed ultima parte abbiamo la liberazione del Poeta dal peccato ad opera di un angelo che gli cancella dalla testa una delle 7 P.
Attraversati tutti e 7 i gironi, Dante è pronto alla purificazione finale che avviene nelle acque dei fiumi Lete ed Eunoè.
Arrivati a questo punto, avviene un evento molto significativo: Virgilio scompare, in quanto non può accedere al Paradiso(perchè egli è pagano), ed una volta entrato sulla soglia appare finalmente la sua amata Beatrice, che lo accompagnerà fino alla fine del suo viaggio.

Hai bisogno di aiuto in Purgatorio?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email