Pillaus di Pillaus
Genius 7338 punti

Struttura fisica del Paradiso dantesco

* La sede vera e propria dei beati è l' Empireo, un cielo non fisico ma spirituale in quanto è al di là dei cieli naturali (materiali).
* Le anime scendono ad incontrare Dante nei vari cieli per rendere manifesto alla sua percezione umana l'ordinamento morale del Paradiso.
* Ogni anima si presenta nel cielo in base alla sua virtù praticata sulla terra.
* I cieli sono nove sfere concentriche, sono composti di materia cristallina incorruttibile e ruotano intorno alla terra. In ognuno di essi, tranne l'ultimo, c'è un pianeta o una stella.
* Nei primi tre cieli compaiono anime di minore perfezione. Le anime però sono soddisfatte e non desiderano altra posizione; la gratitudine non può avere gradazioni.
* Nel cielo delle stelle fisse Dante subisce un esame teologale da parte degli apostoli.

* L'Empireo è pura luce intellettuale ed è la vera sede dei beati. Questi appaiono disposti sui gradini di un anfiteatro paragonati ad una candida rosa.
* I beati appariranno a Dante con la forma che avranno nel giorno del giudizio. Il centro della candida rosa è dato dal raggio di luce divina che si riflette sulla superficie esterna del primo mobile. Tra la rosa dei beati e Dio fanno la spola gli angeli che distribuiscono la Grazia da gradino a gradino.
* Qui Beatrice ritorna al suo seggio e le subentra il mistico S. Bernardo, il quale rivolge una preghiera alla Vergine che intervenga presso Dio.
* La sostituzione significa che lo slancio mistico deve prendere il posto della teologia per poter "vedere" Dio.
* Dante si fonde con la divinità e coglie i grandi misteri: la Trinità e la doppia natura di Cristo.

Registrati via email