Home Invia e guadagna
Registrati
 

Password dimenticata?

Registrati ora.

Alighieri, Dante - Vita Nova, Tanto gentile e tanto onesta pare (2)

Parafrasi al sonetto dantesco "Tanto gentile e tanto onesta pare", l'appunto comprende il testo originale, scritto in corsivo, seguito poi da una parafrasi essenziale

E io lo dico a Skuola.net
Dante Alighieri - Tanto gentile e tanto onesta pare

Tanto gentil e tanto onesta pare
la donna mia quand'ella altrui saluta,
ch'ogne lingua deven tremando muta,
e li occhi no l'ardiscon di guardare.

Ella si va, sentendosi laudare,
benignamente d'umilta' vestuta;
e par che sia una cosa venuta
da cielo in terra a miracol mostrare.

Mostrasi si' piacente a chi la mira,
che da' per li occhi una dolcezza al core,
che 'ntender non la puo' chi no la prova;

e par che de la sua labbia si mova
uno spirito soave pien d'amore,
che va dicendo a l'anima: Sospira.


Parafrasi
La donna mia si mostra tanto elevata di spirito e venerata quando lei porta saluto a qualcuno che per la trepidazione non riesce più a parlare e gli occhi non riescono a guardarla. Ella si muove con quell’atteggiamento di umiltà quando qualcuno la loda e pare che sia una donna discesa dal cielo sulla terra per mostrare in concreto la potenza divina. A chi la contempla si mostra con una tale bellezza che attraverso gli occhi dona una dolcezza al cuore che chi non prova non la può capire e pare che dal suo viso emani una soave ispirazione amorosa che suggerisce all’anima: sospira.
Contenuti correlati
Oppure registrati per copiare