Fabbian di Fabbian
Ominide 76 punti

Zolfo

Elemento chimico di numero atomico 16 e peso atomico 32,066; simbolo: S. Nella tavola periodica degli elementi costituisce il secondo termine del VI gruppo, sottogruppo A, avendo come omologo inferiore l'ossigeno e come omologhi superiori il selenio, il tellurio e il polonio. Lo zolfo è uno dei pochi elementi che si trovano allo stato libero in natura, e perciò conosciuto e impiegato fin dall'antichità; è certo che fin dal 200 a.C. esistevano in Sicilia miniere per la sua estrazione. La grande maggioranza del quantitativo estratto oggi viene impiegata per la produzione di acido solforico, consumato soprattutto dall'industria dei fertilizzanti e quindi in agricoltura. Lo zolfo è relativamente abbondante nella crosta terrestre, della quale costituisce lo 0,05% in peso; anche nell'universo è abbondante: si stima che ne esistano 3,75 · 105 atomi ogni milione di atomi di silicio, nel qual caso sarebbe fra i dieci elementi più diffusi nell'universo. Allo stato nativo, cioè come elemento non combinato, lo zolfo è diffuso in vicinanza degli antichi vulcani, in mezzo a strati di gesso o di calcare, soprattutto negli Stati Uniti (Louisiana, Texas, Nevada), nel Canada, in Cile, in Francia, in Polonia e in Giappone, dove esistono i maggiori giacimenti. In Italia si hanno dei buoni giacimenti in Sicilia (Enna, Agrigento e Caltanisetta); giacimenti minori si trovano anche in Campania e in Calabria.

Registrati via email