Sapiens 656 punti

Soluzioni e Colloidi

I colloidi formano delle “quasi soluzioni”. Nelle soluzioni c'è una sostanza che viene disciolta in molecole.I colloidi invece si disperdono in tante particelle,pure piccole,ma che sono costituite da ammassi di molecole o,tutt'al più,da una macromoleca;ogni particella può essere formata da decine di migliaia di molecole;essa ha dimensioni che oscillano da 1 micron a 1 millimicron.
In determinate condizioni i colloidi “coagulano”,cioè le varie particelle disperse si riuniscono formando masse dall'aspetto simile a dei fiocchi (coaguli) e cadono sul fondo.
Possiamo vedere questo fenomeno nel latte “andato a male”.Il latte,infatti,contiene la “caseina”in soluzione colloidale.I colloidi hanno un'importanza enorme.Basta pensare che il protoplasma che forma le cellule viventi contiene colloidi.
Sono colloidi:la colla (che diede appunto il nome a questo tipo di soluzioni),l'amido,le gomme,i saponi,molti coloranti.Anche le nuvole sono una soluzione colloidale,cioè una dispersione di acqua nell'aria.

Quando l'acqua di un fiume allaga un territorio e vi ristagna,fa un sedimento,cioè deposita sul terreno varie sostanze.
Ma molte particelle estremamente piccole,anziché cadere subito sul fondo,rimangono sospese nell'acqua per giorni e giorni.
Altre,ancor più piccole,non si depositano mai.
Le diverse dimensioni di quelle particelle solide e il loro comportamento rispetto al liquido costituiscono i cosiddetti “sistemi dispersi”,che prendono il nome di emulsioni,sospensioni,soluzioni.
Mettiamo alcune gocce di olio in un bicchiere d'acqua;proviamo a mescolare:l'olio si suddivide in tante minute goccioline.Dopo poco tempo l'olio,poiché è più leggero dell'acqua,galleggia.I due liquidi non sono quindi miscibili;lo stesso fenomeno avviene,ad esempio,fra acqua e grasso,nel latte.In questi casi si parla di emulsioni.
Si parla invece di sospensione quando un liquido sono disperse particelle solide che più o meno rapidamente sedimentano.Le particelle disperse nelle emulsioni e nelle sospensioni hanno dimensioni che vanno da 100 a 1 micron (il micron equivale alla millesima parte di un millimetro).
Mettiamo dello zucchero nell'acqua.Mescoliamo.L'acqua ridiventa limpida e trasparente;dello zucchero non c'è più alcuna traccia.Il giorno dopo la stessa acqua appare nelle identiche condizioni.Eppure essa contiene ancora lo zucchero,perché al gusto risulta dolce.Guardando con l'ultramicroscopio non appare però nulla che ci faccia capire la presenza nella acqua di altre sostanze.Che cosa è successo dello zucchero?Si è suddiviso in particelle estremamente piccole,anzi della massima piccolezza;si è disciolto cioè allo stato molecolare.Le molecole dello zucchero si sono staccate fra loro e si muovono distribuendosi uniformemente,fra le molecole dell'acqua.
Siamo in presenza,in questo caso,di una soluzione.Le particelle disperse dei soluti,cioè delle sostanze che si disciolgono in un corpo,hanno naturalmente dimensioni molecolari da 1 millimicron a 0,01 millimicron (il millimicron è la millesima parte di un micron).
La maggior parte delle soluzioni sono quelle di solidi in liquidi;vi sono però anche soluzioni di liquidi,gas in gas,gas in liquidi,solidi in solidi.Le leghe sono,ad esempio,delle soluzioni di solidi in altri solidi.
100-1-emulsioni e sospensioni -particelle visibili al microscopio-sedimentazione rapida.
1-0,001-soluzioni colloidali-particelle visibili all'ultramicroscopio-sedimentazione lenta.
0,001-0,00001-soluzioni-particelle non visibili all'ultramicroscopio-mancanza di sedimentazione.
Le dimensioni di alcune particelle sono:
la molecola d'idrogeno:diametro 0,1 millimicron
molecola di emoglobina:diametro 2,5 millimicron
particella d'oro colloidale:diametro 10 millimicron
batterio sferico:diametro 1 micron
corpuscolo rosso del sangue:diametro 7,5.

Registrati via email