Pila Daniell

Materiali: 2 becher (uno contenente CuSO4 e uno contenente ZnSO4), lamina di zinco, ponte salino (contenente KCl).

Procedimento: Si tappa il tubo del ponte salino con due batuffoli di ovatta e si collegano le lamine di ferro e zinco al Voltametro. A questo punto, si inserisce il ponte salino in modo che ogni estremità si bagni in uno dei due becher. Controllando i valori riferiti dal Voltametro, si può notare che si parte sempre da 0 V, non appena viene aggiunto il ponte salino. Il potenziale teorico della pila Daniell è 1,1 V, differenza tra il potenziale catodico e quello anodico.

Conclusione: Il processo chimico della pila è il contrario dell’elettrolisi perché non è necessario fornire corrente elettrica. Quindi, il generatore di corrente elettrica non serve.

Registrati via email