Il pH

Il pH esprime l’acidità o la basicità di una soluzione acquosa in base alla concentrazione molare dei suoi ioni H3O+. Esso corrisponde all’esponente, cambiato di segno, della potenza in base 10 che la esprime. Il pH viene rappresentato mediante una scala che varia tra i valori 0 e 14:
per pH = 7 la soluzione è neutra;
per pH < 7 la soluzione è acida;
per pH > 7 la soluzione è basica.
Lo strumento impiegato per la misurazione del pH è definito pH – metro. Questo strumento è dotato di un elettrodo che va immerso nella sostanza di cui si vuole conoscere il pH. Una pila interna allo strumento produrrà corrente elettrica, che passerà all’interno di un tubicino di vetro poroso, fino alla sostanza. In base a come si modificherà la corrente elettrica a causa degli ioni, si stabilisce il pH. Esistono, però, degli indicatori (generalmente sostanze di origine naturale) in grado di misurare il pH. Tuttavia, questo sistema è ritenuto meno preciso del pH – metro.

1) Misurazione tramite pH - metro:
-> Acqua distillata: Si inserisce il tubicino di vetro del pH – metro in un becher colmo di acqua distillata. Lo strumento assegna alla sostanza un pH di 7,03. L’acqua distillata, quindi, è leggermente basica.
-> Limone: Si inserisce il tubicino in un becher colmo di succo di limone. Lo strumento assegna al succo di limone un pH di 2,55. Quindi, è una sostanza molto acida.
-> Coca cola: Si immerge il tubicino in un becher pieno di coca cola e si può notare come il rispettivo pH sia 3,45. Anche la coca cola, quindi, è una sostanza fortemente acida.
-> The al limone: Si immerge il tubicino in un becher riempito di the al limone. Il valore di pH è 3,45 e, quindi, il the è anch’esso una sostanza acida.
-> Succo di pera: Si inserisce il tubicino nel becher colmo di succo di pera e si può osservare che il pH è rispettivamente di 3,97. Il succo di pera, dunque, è un acido.
-> Ammoniaca: Si immerge il tubicino nel becher riempito con ammoniaca. Il pH dell’ammoniaca è 9,55. Quindi, è una sostanza abbastanza basica.

2) Misurazione tramite cartine al tornasole:
Le cartine al tornasole sono cartine trattate con indicatori universali che permettono variazioni cromatiche in tutta la scala del pH. Si dispone di due basi e due acidi, rispettivamente di ammoniaca e NaOH, acido cloridrico e acido acetico. Si distribuiscono i vari acidi e le varie basi in 4 becher distinti e altrettante provette. Si immerge una sola cartina al tornasole per ciascuna provetta ed è risultato ciò: l’acido cloridrico è un acido alquanto forte mentre l’acido acetico è debole. L’ammoniaca, invece, è una base molto debole mentre NaOH è una base molto forte. Analizzando, invece, le stesse sostanze nei becher mediante alcuni indicatori è risultato ciò:

Indicatore Colore base Colore acido
Blu di bromofenolo Blu Giallo
Rosso metile Giallo Rosso
Metilarancio Arancio Rosso
Fenolftaleina Fucsia Bianco

Registrati via email