Elettrolisi di KI

Materiali: Tubo ad U con tubicini laterali, sostegno, soluzione acquosa di KI (Ioduro di Potassio), Fenolftaleina, generatore di corrente, elettrodi in grafite.

Procedimento: Si versa la soluzione di ioduro di potassio nel tubo ad U fino ad un livello sufficiente per l'immersione degli elettrodi. Si inseriscono gli stessi nei due fori del tubo collegandoli al generatore di c.c., indicando l'anodo ( + ) e il catodo ( - ). Nella soluzione, prima dell'elettrolisi, sono presenti molecole di H2O e gli ioni: K+ e I - provenienti dalla dissociazione del sale. Chiudendo il circuito, l'anodo richiama a se gli anioni I - e molecole di H2O, mentre il catodo richiama a se i cationi K+ e molecole di H2O. Le molecole di acqua sono, come noto, dipoli per cui possono migrare ad entrambi gli elettrodi.

Conclusione: A mano a mano che la reazione avviene, si può notare come da una parte del tubo si formi iodio e dall’altra si formi fenoftaleina. La presenza della stessa è indicata dal colore purpureo che assume la soluzione.

Registrati via email