Bannato 679 punti
Questo appunto contiene un allegato
Durezza di un'acqua scaricato 16 volte

Durezza di un'acqua

La durezza in un'acqua indica la quantità di ioni calcio e magnesio presenti nell'acqua come solfati carbonati ecc. Un'acqua molto dura pùo danneggiare sia le tubazioni domestiche ma anche provocare danni all'organismo (calcoli renali ecc). La durezza si misura in gradi francesi, dove un grado francese equivale a mg di caco3 in 100ml di acqua. Abbiamo tre tipi di durezza, durezza totale, permanente e temporanea. La durezza temporanea è dovuta a i carbonati di calcio e magnesio che dopo una breve ebolllizione precipitano come carbonati dicalcio, secondo la seguente reazione:
CaHCO3 CALORE___________CaCO3.
La durezza permanente è dovuta ai solfati e carbonati che dopo l'ebollizione rimangono in soluzione e per eliminarla si deve procedere con un altro metodo. La durezza totale è data invece dalla somma della durezza permanente più quella temporanea.

Procedimento

Si pongonono in una beuta 100ml di campione di acqua potabile con un cilindro graduato, si aggiunge l'indicatore net (ci indicherà quando dobbiamo fermarci ovvero quando raggiungiamo il punto di viraggio, ovvero quando la concentrazione degli ioni H^+ è uguale a qulla oh^- e si titola con E.D.T.A o acido etilen diammino tetra acetico). Si fa scendere goccia a goccia E.D.T.A con la buretta dentro la beuta, e quando si ha il cambiamenteo di colore dal rosa (dovuto all'NET cioè l'indicatore) all'azzurino violetto, ci fermiamo e si leggono i ml di edta consumati, tenendo presende che per il principio di equivalenza un ml di E.D.T.A è uguale a un grado francese, per esempio 7ml = 7 gradi francesi. Per la durezza permanente sempre 100 ml di acqua in una beuta si fanno riscaldare per eliminare la temporanea, e poi si titola normalmente come detto prima. Invece la durezza permanente è data dalla differenza tra la durezza totale e quella permanente.

Registrati via email