Fabbian di Fabbian
Ominide 76 punti

Cobalto

Elemento chimico di numero atomico 27, peso atomico 58,9332 simbolo Co. È uno dei metalli di transizione; si colloca infatti nell'ottavo gruppo, fra il ferro e il nichel. Fu scoperto da G. Brandt nel 1735; il suo nome deriva da Kobold, uno spirito della mitologia tedesca. Stato naturale: allo stato nativo il cobalto non si trova in natura, eccetto in certe meteoriti e - si ritiene - nella massa fluida metallica che costituisce il centro della terra. È un elemento alquanto raro nella crosta terrestre, della quale costituisce solo lo 0,0037%: è più abbondante nell'universo (1.800 atomi ogni milione di atomi di silicio). È presente nel corpo umano solo in piccolissima quantità (ne costituisce lo 0,00002%). In natura si trova di solito associato al nichel; tutti i minerali di questo elemento contengono anche c. in proporzioni variabili (mediamente una parte di c. ogni 15 di nichel). Anche i minerali di ferro, rame, zinco e manganese ne contengono piccole parti. Minerali specifici del cobalto di importanza metallurgica sono la smaltina e la cobaltina. I maggiori produttori di nichel producono anche di solito cobalto; il paese che ne esporta di più è la Repubblica Democratica del Congo. Va ricordato però che il nichel comunemente in commercio, allorché non specificato contiene sempre parte del c. che era associato con esso nel minerale di partenza. Infatti il solo processo di estrazione del nichel che dia un prodotto esente da cobalto è quello di carbonile (che ha appunto cobalto come sottoprodotto) mentre gli altri realizzano una separazione solo parziale dei due metalli. D'altra parte nella maggior parte degli usi il cobalto non è indesiderabile.

Registrati via email