ghisi di ghisi
Ominide 50 punti

---> L’obiettivo principale della sistematica animale è di ordinare la specie in gruppi che rispecchiano le relazioni evolutive.

---> I Tassonomi (coloro studiano le procedure di classificazione) cercano caratteri che indicano le relazioni di parentela nella formazione di un albero genealogico o albero filogenetico con un antenato comune e tanti discendenti.

---> Per studiare le relazioni di parentela tra le specie dobbiamo rifarci ai meccanismi di formazione di nuove specie (Anagenesi e Cladogenesi).

---> Lo studio della sistematica è stato oggetto di discussione di tre scuole di sistematica che proponevano differenti caratteri.

---> Oggi si ci rifà alle tre scuole:
- Sistematica Evolutiva;
- Sistematica Numerica;
- Sistematica Filogenetica.

Sistematica Evolutiva: E’ la più antica delle tre scuole. Vengono tenute in considerazione solo le omologie. I risultati sono rappresentati in alberi filogenetici lungo una scala temporale. Le omologie sono somiglianze che dipendono dall’appartenenza alla stessa discendenza e sono stile per classificare gli animali. Le analogie sono somiglianze che derivano dall’adattamento di organismi sottoposti a pressioni selettive simili.

Albero filogenetico: grado di divergenza dal momento della ramificazione dal
progenitore comune che è indicato dai periodi di tempo disposti sull’asse verticale.
L’ampiezza di rami indica il numero di generi riconosciuti per un dato periodo di tempo.

Tassonomia Numerica: Ha una visione completamente opposta e molto poco biologica poiché si utilizzano modelli matematici per raggruppare i campioni in base alla loro somiglianza globale.
Le relazioni evolutive vengono tenute in considerazione solo nel caso di specie strettamente imparentate.
I modelli matematici permettono di elaborare dati di tipo biologico e di dare un andamento.

Sistematica Filogenetica: o anche Scuola Cladistica.
Si basa sull’uso di caratteri omologhi in particolare quelli di recente formazione.
Le ipotesi formulate si basano sulle relazioni genealogiche tra le specie oggetto di studio.
Le omologie di recente formazione sono le più utili per lo studio delle relazioni filogenetiche.
In particolare le simplesiomorfie sono quei caratteri che meglio raggruppano le specie all’interno del gruppo.
Viene utilizzato un outgroup, cioè una specie che viene ipotizzata essere ancestrale.

Cladogramma: Albero filogenetico della Sistematica Filogenetica

Quello più esterno (5) è l’outgroup con un carattere comune a tutte le specie più all’outgrup.
Si costruisce identificando i punti in cui due gruppi sono separati. Animali che condividono un punto di ramificazione sono compresi nello stesso taxon.
La scala temporale non è rappresentata, cos’ come la numerosità relativa dei taxa.

Registrati via email