Genius 3813 punti

La simbiosi

Simbiosi significa “vivere insieme” e si usa per definire due organismi che si associano in modo da ottenere entrambi un vantaggio.

QUALCHE ESEMPIO DI SIMBIOSI
Gli esempi di simbiosi nel mondo dei viventi sono molto numerosi. I due organismi che si “scambiano favori” possono essere davvero diversi fra loro, e il legame che si stabilisce è a volte così stretto che ciascuno non può sopravvivere se l’altro viene a mancare.

Di che tipo di “favori” si tratta? In genere, si tratta di offrire protezione dai nemici, procurare il cibo, creare un ambiente adatto alla crescita dell’altro organismo, oppure liberarlo da sporcizia e parassiti.

Gli anemoni di mare possiedono lunghi tentacoli flessibili, di grande bellezza ma assai temuti dai piccoli pesci perché sono urticanti. Ma per il pesce pagliaccio i tentacoli sono un sicuro rifugio per sfuggire ai predatori; in cambio, il pesciolino si nutre di particelle di materiale organico e dei detriti intrappolati fra i tentacoli dell’anemone di mare, mantenendoli puliti ed efficienti.

La vita delle formiche taglia-foglie che vivono nelle foreste pluviali dell’America del Sud dipende da minuscoli funghi che esse coltivano nell’ambiente caldo e umido del formicaio. Le formiche trasportano pezzetti di foglie, che diventano un buon terreno di coltura per i funghi, i quali si sviluppano nel formicaio; in cambio, una parte dei funghi entra nel menu delle formiche, che ottengono così un valido nutrimento.

Hai mai visto, sulla superficie di un tronco d’albero, di un vecchio muro o di una roccia, i licheni? Questi strani organismi formano macchie di colore verde chiaro, giallastro, ruggine, e se li tocchi sono morbidi come il muschio. I licheni nascono dalla simbiosi di un’alga microscopica con un fungo altrettanto microscopico, e sono capaci di vivere in ambienti dove nessun altro organismo potrebbe sopravvivere.

E adesso, pensa a una mucca intenta a ruminare ciuffi d’erba. Puoi chiederti com’è possibile che riesca a mangiare una simile quantità di vegetali! I vegetali, infatti, contengono una sostanza, la cellulosa, che è molto difficile da digerire. Anche in questo caso la soluzione sta nella simbiosi. All’interno dello stomaco dei bovini vivono dei batteri capaci di scomporre la cellulosa e di renderla digeribile; in cambio, i batteri trovano, all’interno del corpo dell’animale, un ambiente sicuro, adatto alla loro crescita, a temperatura costante e ricco di sostanze nutritive.

Anche nel nostro intestino vivono molti tipi di batteri, che chiamiamo flora batterica: essi producono per noi sostanze utili, come alcune vitamine, e in cambio trovano il nutrimento di cui hanno bisogno. Questi batteri alleati dell’uomo sono così importanti che se vengono danneggiati, ad esempio per una lunga malattia o una cura a base di antibiotici, il medico consiglia di assumere i fermenti lattici: questi non sono altro che nuovi microrganismi che andranno a rinforzare la flora batterica danneggiata.

Registrati via email