Il petrolio è un liquido oleoso, denso, infiammabile, di colore fra il giallo e il nero; si trova in superficie ma più spesso nelle profondità della crosta terrestre e in generale nella litosfera dove si è depositato in strati di rocce permeabili racchiusi da strati impermeabili.
Si è formato in seguito all'accumularsi di sostanze organiche, in altre parole attraverso la decomposizione di antiche forme di vita acquatiche: alghe, microrganismi, plancton e animali marini. Nel corso dei millenni tali sostanze si sono depositate sui fondali e quindi sono finite nel sottosuolo, in ambienti privi di ossigeno. Qui sono state elaborate da batteri anaerobi, capaci appunto di vivere in assenza di ossigeno. Temperatura e pressione, acqua e gas hanno contribuito alla lentissima trasformazione di questa materia in prezioso petrolio.
La ricerca del petrolio avviene in 6 fasi:
• Rilevamento aereofotografico: permette di mettere in evidenza gli affioramenti rocciosi. Si raccolgono,poi, campioni di terreno che vengono esaminati per scoprirne le caratteristiche.

• Misura del magnetismo e della gravità: permette di avere un modello orientativo del sottosuolo.
• Scavo di un pozzo esplorativo: sarà l’unico modo per definire con certezza se in quel luogo vi è una trappola e se contiene idrocarburi e quanti.
• Estrazione degli idrocarburi: ovvero l’estrazione di ciò che si trova nelle trappole.
• Immissione del petrolio in appositi serbatoi: il trasporto del contenuto nelle trappole nei serbatoi.
• Trasporto del petrolio alle raffinerie.
Dal petrolio si ottiene:
L’ olio combustile che è utilizzato per produrre energia elettrica,il gasolio e il metano che sono utilizzati per far funzionare la turbina a gas,il gasolio, il kerosene e la benzina che vengono adoperati nel settore dei trasporti,il bitume che viene usato per ricoprire le strade di asfalto
Il petrolio è utilizzato nell’ industria petrolchimica per produrre: detergenti, materie plastiche, fibre sintetiche, ecc…

Registrati via email