Diogens di Diogens
Genius 66517 punti

Le molecole della vita

Gli esseri viventi hanno la straordinaria capacità di riprodursi e quindi di far continuare la vita sulla terra.
Questo succede in base alla loro composizione chimica, che svolge numerose trasformazioni di sostanze, ovvero reazioni chimiche. L’insieme di queste reazioni prende il nome di Metabolismo.
Tutta l’energia utilizzata dagli esservi viventi proviene dal Sole, trasformata dalla piante, fluisce di conseguenza negli animali che se ne nutrono e, alla loro morte, ritorna nell’ambiente.
Esistono 4 tipi di composti chimici fondamentali per tutti gli esseri viventi: i carboidrati, i lipidi, le proteine e gli acidi nucleici.

I carboidrati
Sono sostanze ad elevato contenuto energetico di pronta utilizzazione, contenute soprattutto nella frutta, nel miele e nelle patate.
Sono inoltre depositi di energia chimica, cioè sono sostanze che servono all’organismo per accumulare energia di pronto e rapido impiego.

Questi zuccheri possono formare lunghe catene di molecole dette polimeri, composte da tantissime unità uguali tra loro chiamate monomeri. Questa reazione prende il nome di condensazione e avviene con l’eliminazione di molecole di acqua. Un polimero si scinde con una reazione di idrolisi e avviene aggiungendo acqua.
Quelli che ho citato sono zuccheri semplici, in quanto costituiti da un solo monomero e chiamati per questo monosaccaridi. Altri zuccheri formati da due monosaccaridi vengono chiamati disaccaridi.
I polisaccaridi invece sono zuccheri complessi, composti da monosaccaridi che possono formare molecole lunghissime, i più importanti sono l’amido, la cellulosa e il glicogeno.

La cellulosa e l’amido
La cellulosa e l’amido invece sono polisaccaridi, diversamente dai monosaccaridi possono svolgere funzioni diverse dal semplice deposito di energia. Costituiscono la cellulosa, che si trova nelle piante.
Essa forma delle fibre ridine, che permettono alle foglie e altre parti della pianta a sostenersi.
Gli amidi rappresentano una riserva di energia che si accumula in molte parti delle piante.

Il glicogeno
Un altro polisaccaride è il glicogeno, che si trova nei muscoli e nel fegato degli animali e dell’uomo e costituisce un materiale di riserva di energia di pronto impiego.

I lipidi
I lipidi sono grassi animali e vegetali ad elevato contenuto energetico ma con funzioni di riserva.
Sono composti di carbonio, idrogeno e ossigeno. I lipidi più semplici sono formati da lunghe catene di acidi grassi, cioè da catene di atomi di carbonio.

I lipidi comprendono i Trigliceridi, i Fosfolipidi, gli Steroidi, le Cere e il Colesterolo.

I Trigliceridi
I Trigliceridi sono composti da tre molecole di acidi grassi, legate a una molecola di glicerolo, cioè un alcol. Gli acidi grassi si dicono saturi se la molecole contiene il numero massimo possibile di atomi di idrogeno, e insaturi se gli atomi di idrogeno sono in numero minore a quanto teoricamente possibile.
Miscele di trigliceridi costituiscono i grassi animali e vegetali e sono diffusissimi in nature.
I trigliceridi non si sciolgono in acqua ma vengono sciolti da solventi come la benzina, l’etere e il cloroformio.

I Fosfolipidi
Sono composti che partecipano alla formazione delle membrane plasmatiche, ciò gli involucri che circondano le cellule. La molecola di un fosfolipide è costituita da una testa e da una coda: la testa è idrofile, cioè attira l’acqua, mentre la coda è idrofoba, cioè la respinge.

Il Colesterolo
E’ un lipide molto importante, perché oltre a partecipare alla formazione delle membrane plasmatiche delle cellule animali, è capostipite di composti chiamati ormoni che in quantità volte piccolissima agiscono come fattori di regolazione di numerosi processi chimici o metabolici agli organismi animali.

Gli Steroidi
Sono composti organici che svolgono diverse funzioni, appartengono gli ormoni che sono messaggeri chimici che riversati nel sangue vengono trasportati in tutto il corpo fino alle cellule specifiche e quindi alle ghiandole. Anche il colesterolo è uno steroide.

Le Cere
Le cere hanno la proprietà di limitare la perdita di acqua: nei climi aridi le foglie e i fusti di molte piante sono rivestita di cera, anche alcuni frutti come prugne e uva. Alcuni insetti e molti altri animali sono protetti contro la disidratazione da un sottilissimo strato di cera.

Registrati via email