Sapiens 3012 punti

Le sostanze nutritive delle piante

Le sostanze nutritive delle piante sono innanzitutto l’acqua, elemento fondamentale per la crescita, e la sopravvivenza della pianta, poi tra gli elementi principali vi sono gli zuccheri, i minerali, gli ormoni.
Gran parte dei minerali sono assorbiti dall'acqua presente nel suolo mediante un processo formato da quattro stadi: le proteine del trasporto attivo nelle membrane dei peli radicali pompano i sali nel citoplasma, i sali si diffondono verso l’interno da cellula a cellula attraverso i plasmodesmi che connettono il citoplasma di tutte le cellule viventi della radice, le ultime cellule radicali vive all'interno della radice, le cellule del pericolo, trasportano attivamente i sali dal loro citoplasma allo spazio intercellulare che circonda lo xilema, al punto di aumentare la concentrazione di sali nello spazio intercellulare, e i sali diffondono nelle cellule dello xilema attraverso le punteggiature delle pareti.

Associate alle radici di molte piante vivono le micorrize, ovvero dei funghi che favoriscono l’assorbimento delle sostanze nutritizie presenti nel suolo. L’azoto può essere assorbito soltanto come ammonio o nitrato, entrambi scarsamente presenti nei suoli. I legumi hanno evoluto un rapporto di cooperazione con i batteri azotofissatori che invadono le loro radici.
Le piante forniscono ai batteri zuccheri e i batteri usano parte dell’energia contenuta nelle molecole degli zuccheri per convertire l’azoto atmosferico in ammonio che come tale può essere assorbito dalla piante.

Hai bisogno di aiuto in Evoluzione?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email