Genius 2527 punti

L’etologia di Konrad Lorenz

Lo zoologo austriaco Konrad Lorenz è stato il fondatore della moderna etologia, intesa come studio del comportamento animale attraverso metodi comparativi. Le sue idee hanno contribuito a mettere in relazione i moduli comportamentali al passato evolutivo.
Lorenz mostrò fin dalla tenera età interesse verso il mondo animale e quando era piccolo si occupava di nutrire gli animali malati del vicino Schönbrunner Zoo. Tenne anche quaderni dettagliati sul comportamento degli uccelli osservati allo zoo. Nel 1922, dopo la scuola superiore, si iscrisse, secondo il volere del padre, a medicina e passò due semestri alla Columbia University, a New York. Successivamente tornò a Vienna.
Durante i suoi studi di medicina Lorenz continuò a tenere osservazioni accurate sul comportamento animale; un diario che scrisse su una cornacchia fu pubblicato nel 1927 sul prestigioso “Journal for Ornithology”. Nel 1933 gli fu riconosciuto il titolo di Dottore in Zoologia.

Incoraggiato dalla risposta positiva al suo lavoro scientifico, Lorenz istituì colonie di uccelli, pubblicò una serie di lavori e presto si guadagnò una reputazione internazionale. Nel 1935 Lorenz descrisse il comportamento chiamato imprinting: a un certo stadio critico, poco dopo la schiusa dall'uovo, i pulcini imparano a seguire i genitori reali o estranei.
Nel 1936 fu fondata la Società Tedesca per la Psicologia Animale e Lorenz divenne coeditore della rivista omonima. Nel 1937, fu nominato lettore in anatomia comparata e psicologia animale all'Università di Vienna e dal 1940 al 1942 professore di psicologia generale alla Albertus University di Königsberg.
Dal 1942 al 1944 fu dottore nell'esercito tedesco e prigioniero di guerra in Unione Sovietica. Ritornò in Austria nel 1948 e fu a capo dell'Istituto di Etologia Comparata di Altenberg dal 1949 al 1951. Nel 1950 fondò un dipartimento di Etologia comparata al Max Planck Institute in Vestfalia. Dal 1961 al 1973 fu direttore del Max Planck Institute per la Fisiologia del Comportamento a Seewiesen. Nel 1973, insieme a von Frisch e Tinbergen, gli fu riconosciuto il premio Nobel per la Fisiologia e la Medicina per le scoperte sui modelli comportamentali degli animali.
I primi contributi scientifici di Lorenz riguardano la natura istintiva degli atti comportamentali; egli studiò come il comportamento stesso possa scaturire da una o più spinte fondamentali che vengono attivate contemporaneamente in un animale.
I concetti di Lorenz hanno anticipato la comprensione di come i moduli comportamentali si evolvano in una specie, particolarmente in relazione ai fattori ecologici e al valore adattativo del comportamento per la sopravvivenza della specie; ha, inoltre, avanzato l'ipotesi che le specie animali siano costruite geneticamente in modo da trarne un tipo di informazione specifica che si riveli importante per la sopravvivenza.
Lorenz ha applicato le sue idee al comportamento umano, con controverse implicazioni sociologiche e filosofiche. Nel suo libro del 1963, On Aggression, prova che l'aggressività e la spinta al combattimento sono innate nell'uomo. Ha osservato che il combattimento negli animali inferiori ha una funzione positiva per la sopravvivenza, cioè influisce sulla dispersione dei competitori e sul mantenimento del territorio. Lorenz afferma che le tendenze bellicose negli uomini possono essere ritualizzate in moduli di comportamento socialmente utili. In un altro lavoro del 1973, Behind the Mirror: A Search for a Natural History of Human Knowledge, esamina la natura del pensiero umano e dell'intelligenza.

Registrati via email