vally32 di vally32
Habilis 2556 punti

Ecosistemi acquatici

Gli ecosistemi acquatici possono essere divisi in due grandi macrocategorie:
• Ecosistemi di acqua salata, che sono divisi in tre parti:
- Zona intercotidale
Ambienti salmastri o spiaggie di sabbie o ghiaia. Sommersa nell’alta marea.
- Zona pelagica
Oceano vero e proprio. Vivono comunità di organismi che galleggiano o nuotano. Organismi che si lasciano trasportare dalla corrente: plancton. Alghe e batteri: fitoplancton. Organismi troppo piccoli per opporsi alla corrente: zooplancton.
- Zona bentonica
Fondale oceanico. Fattori biotici che influenzano le comunità bentoniche: profondità, temperatura e grado di penetrazione della luce.
Sono divise inoltre in zona fotica: in cui penetra la luce e vivono alghe e batteri e la zona afotica in cui vivono animali e batteri non fotosintetizzanti.
• Ecosistemi di acqua dolce, che possono essere di tre tipi:

- Fiumi e torrenti
L’acqua scorre nell’alveo con una velocità che dipende dalla pendenza.
Fattori abiotici cambiano dalla sorgente alla foce.
L’acqua è fredda, povera di sostanze nutritive e ricca di ossigeno.
Gli organismi occupano pozze o secche per proteggersi.
La vegetazione è rappresentata da alghe o muschi sulle rocce.
Più a valle l’acqua è calda e ricca di fitoplancton.
Animali ricorrenti sono vermi, insetti, pesci (carpa o pescegatto), anfibi e uccelli acquatici.
- Laghi
Il ricambio dell’acqua è lento.
La luce e la temperatura condizionano la vita degli organismi.
- Stagni
Le acqua sono ferme.

Hai bisogno di aiuto in Evoluzione?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email