Mito 120308 punti

I Celenterati

Costituiscono uno dei più numerosi gruppi di animali acquatici. La loro organizzazione strutturale presenta due forme, che spesso coesistono nella stessa specie: quella libera e natante, detta medusa, e quella fissa e cilindrica detta polipo. Nei celenterati la parete del corpo è formata da un doppio strato di cellule e racchiude una cavità aperta solo superiormente, mediante una bocca circolare dotata di una serie di tentacoli.
Lo strato esterno, o ectoderma, svolge funzione di rivestimento, funzione sensitiva e di difesa. La difesa avviene per mezzo di cellule urticanti detto cnidoblasti, poste anche sui tentacoli che circondano la bocca.
Lo strato interno, o endoderma, tappezza la cavità digestiva, chiamata celenteron. Esso presenta cellule capaci di produrre succhi gastrici per digerire le particelle alimentari, sospinte dai tentacoli all'interno della cavità.
Alcuni celenterati presentano sia la forma medusoide sia la forma polipoide, risultato di fasi successive di un medesimo ciclo riproduttivo. La medusa ha i sessi separati: vi sono cioè meduse maschi che producono spermatozoi, e meduse femmine che producono cellule uovo. Dall'unione dei gameti si origina una piccola larva, chiamata planula. La planula, dopo un primo periodo di vita libera, si fissa sul fondo e si trasforma in polipo. Il polipo si allunga e suddivide trasversalmente in una serie di "fette" piatte provviste di tentacoli, dette strobili. Da questi strobuli poi. staccati dal corpo del polipo, si generano ancora meduse.
Altri celenterati si riproducono per gemmazione.
I celenterati si suddividono in:
- scifozoi, tutte meduse;
- antozoi, tutti polipo;
- idrozoi, sia meduse che polipi.

Registrati via email