ghisi di ghisi
Ominide 50 punti

Giunzioni strette: barriera allo spazio extracellulare

Le giunzioni strette sono presenti all’estremità apicale del complesso giunzionale che si forma tra cellule epiteliali adiacenti, le membrane affiancate non sono fuse insieme per un’ampia regione, ma prendono contatto fra loro solo in punti intermittenti. I punti di contatto cellula-cellula rappresentano i siti in cui le proteine integrali delle due membrane adiacenti s’incontrano nello spazio extracellulare. Le proteine integrali delle giunzioni strette formano delle fibrille continue che circondano completamente la cellula come una specie di guarnizione, entrando in contatto con le cellule circostanti su tutti i lati. Perciò le giunzioni strette funzionano come barriere alla libera diffusione di acqua e soluti del compartimento extracellulare su una faccia di uno strato epiteliale e quello sull’ altra faccia. Funzionano anche come recinti che aiutano a mantenere la caratteristica polarizzazione delle cellule epiteliali, grazie alla capacità di bloccare la diffusione delle proteine integrali di membrana tra le zone apicali della membrana plasmatica e quelle laterali e basali. I filamenti di queste giunzioni sono composti dall’occludina e dalle claudine che formano le principali componenti strutturali di filamenti delle giunzioni strette.

Registrati via email