Osservazione delle cellule della patata e dei granuli d’amido

Materiali
* Microscopio ottico
* Vetrino portaoggetti
* Vetrino coprioggetti
* Contagocce
* Pinzette
* Bisturi
* Becker tarato
* Reattivo di Lugol (colorante specifico per amidi)

Obiettivi
Osservazione delle cellule della patata e dei granuli d’amido

Procedimento
* Preparazione del vetrino
1. Pulire i vetrini
2. Prelevare con il contagocce un po’ d’acqua dal becker
3. Depositare 2-3 goccie d’acqua sul vetrino portaoggetti (in questo contesto, l’acqua serve per ingrandire l’immagine)
4. Tagliare un frammento di patata
5. posizionarla sul vetrino portaoggetti
6. appoggiare delicatamente il vetrino coprioggetti, facendo attenzione a non formare bolle d’aria che nuocerebbero alla visibilità del vetrino.

Mettere il vetrino sul piano portaoggetti del microscopio, e regolare la messa a fuoco. Osservare il vetrino a 100 ingrandimenti, poi a 400 e poi di nuovo a 100 aggiungendo, però, il reattivo di Lugol

Osservazioni e conclusioni
Abbiamo scelto la patata perché è un tubero ricco d’amido, le cellule della patata sono di forma esagonale o pentagonale. Come si può osservare dal primo ingrandimento, i granuli d’amido non si trovano ordinatamente all’interno delle cellule, ma sono un po’ sparsi anche fuori; questo per via del taglio che è stato fatto, e della pressione esercitata dall’acqua e dal vetrino coprioggetti. Sempre dalla prima osservazione, una parte di patata appare più sfocata, perché quella parte di patata è leggermente più spessa rispetto al resto delle cellule.
Nel secondo ingrandimento, si può osservare meglio la fisionomia dei granuli d’amido, di forma rotondeggiante e con delle striature più scure… Con l’ultimo ingrandimento, in cui è stato aggiunto anche il reattivo di Lugol, si sono ben evidenziati i granuli, che fanno contrasto con le cellule, perché colorati di viola, blu o nero; la differente colorazione dei granuli, dipende dalla penetrazione non omogenea del colorante.

Registrati via email