Habilis 1834 punti

Proteine ed amminoacidi

Gli amminoacidi sono delle piccole molecole organiche molto importanti per gli organismi viventi: infatti si possono unire tra di loro formando lunghe catene di proteine che sono il più abbondante materiale del nostro organismo.
Le proteine inoltre sono il gruppo di molecole biologiche che presentano una maggiore varietà di forma, complessità e funzioni svolte. Esempi di proteine sono gli enzimi che fanno venire più velocemente le reazioni metaboliche.
Tutte le proteine sono costruite collegando tra loro 20 tipi differenti di amminoacidi. Tutti gli amminoacidi hanno la stessa struttura di base cioè un atomo di carbonio centrale a cui legati un gruppo amminico e un gruppo carbossilico, un atomo di idrogeno e una catena di uno o più atomi detta rispettivamente gruppo laterale (indicato con la lettera R).
Quest'ultima determina le proprietà specifiche dell'amminoacido. La sintesi delle proteine avviene attraverso l'unione degli amminoacidi uno dopo l'altro. La sequenza inizia con l'unione di due amminoacidi attraverso una reazione di condensazione e in questo modo si forma un legame peptidico tra il gruppo amminico di un amminoacido e il gruppo carbossilico di un altro amminoacido originando un peptide.
Una serie di tre o più amminoacidi legati insieme costituisce una catena polipeptidica e prende il nome di polipeptide.
Le diverse proteine costruite dalla cellula sono messe in ordine per cui gli amminoacidi possono così susseguirsi nella catena polipeptidica; questo ordine è dovuto anche dal DNA cellulare.
La specifica sequenza di amminoacidi costituisce la struttura primaria di ogni proteine che si può rappresentare come una sorta di nastro. Però la proteina sarà o di tipo fibroso o di tipo globulare. Alcune proteine invece a causa della formazione di legami idrogeno tra amminoacidi in posizioni differenti della catena, si avvolgono a spirale assumendo una forma a elica. Questo accade ad esempio anche nella cheratina, la proteina costituente dei capelli. Le configurazioni a elica sono tipiche delle proteine fibrose e sono esempi di struttura secondaria.
Può anche capitare però che alcune proteine ad elica, possano cambiare dimensione assumendo una forma tridimensionale tondeggiante: questa costituisce la struttura terziaria di una proteina. In alcuni casi due o più molecole di una struttura terziaria si combinano tra di loro tenuti insieme da deboli legami idrogeno e questo da vita alla struttura quaternaria.

Registrati via email