Fotosistemi I e II

I Fotosistemi sono unità contenenti clorofille e altri pigmenti che funzionano come antenne per catturare la luce; questa, assorbita dal pigmento antenna, passa da un pigmento all’altro del fotosistema fino a raggiungere il centro di reazione del fotosistema (un particolare tipo di clorofilla a)
Fotosistema II: Si parte da questo perché utilizza elettroni a livello energetico inferiore.
L’energia luminosa assorbita dai pigmenti del complesso antenna è trasferita a una molecola reattiva di clorofilla a, detto P680. Da questa essa spinge gli elettroni verso un accettore primario di elettroni a un livello energetico superiore. Gli elettroni scendono lungo una catena di trasporto per arrivare a una molecola reattiva di clorofilla a nel Fotosistema I, detta P700 (Lunghezza d’onda leggermente maggiore della P680) a un livello energetico inferiore.

Scendendo lungo la catena di trasporto, gli elettroni liberano energia utilizzata per la sintesi di ATP (è necessario che due di essi siano espulsi dal fotosistema II) .
L’energia luminosa spinge gli elettroni della P700 a un altro accettore primario; da qui gli elettroni, mediante alcuni trasportatori, passano al coenzima NADP +.
Quando due elettroni e uno ione H+ si combinano col NADP +, esso si riduce a una molecola di NADPH. L’altro ione H+ rimane in soluzione nel tilacoide.
Per ottenere NADPH due elettroni devono essere spinti fuori dal fotosistema II e due fuori dal fotosistema I.

Registrati via email