pser di pser
Ominide 5819 punti

TESSUTO CARTILAGINEO, CONNETTIVO E OSSEO

I tessuti connettivi, invece, sono immersi in abbondante sostanza intercellulare e hanno la funzione di collegamento e di colmare gli interstizi; essi si dividono in propriamente detto, a sua volta diviso in fibrillare compatto, ha la funzione di mantenere gli organi nella loro posizione, e lasso che ha le funzioni di: sostegno, che ha la fibra collagene, di protezione, di difesa, che ha i globuli bianchi e trofico, che ha i vasi sanguigni. Tra i tessuti di sostegno un ruolo rilevante hanno il tessuto cartilagineo primordiale, di cui è formato tutto l’embrione e che poi nell’individuo adulto costituirà soltanto alcune parti, come costole, articolazioni, naso, orecchie e vertebre. Il tessuto cartilagineo è formato da condrociti, immersi nella sostanza intercellulare chiamata condrina.
Altro tessuto di sostegno è quello osseo, molto resistente, formato dagli osteociti, le cellule terminali che derivano da un altro tipo di cellule gli osteoblasti, dette primitive, che si divide in compatto, quando non vi sono spazi tra gli osteociti e spugnoso quando invece vi è tale spazio. Gli osteociti sono immersi nella sostanza intercellulare chiamata osseina, il cui sale è il fosfato di calcio. L’unità che è alla base, fondamentale del tessuto osseo è certamente l’osteone, formato da tanti cilindri, costituiti da un canale, chiamato canale di Havers, da cui esce un nervo e una vaso sanguigno, e qui gli osteociti sono invece organizzati in lamelle di osseina concentriche nella cavità. Vi è infine un equilibrio tra il calcio contenuto nelle ossa e quello presente nel sangue che è regolato dagli osteociti ma la cui quantità è regolata da un ormone, la calcitonina, presente nella tiroide, che funziona per opera dell’ipofisi.

Registrati via email