pser di pser
Ominide 5819 punti
LO SVILUPPO EMBRIONALE

Lo sviluppo embrionale, che inizia immediatamente dopo la fecondazione, in cui vi era stata l’unione dei due gameti, è un processo attraverso il quale si giungerà dallo zigote, la cellula fecondata, all’embrione. Lo sviluppo embrionale è caratterizzato da quattro fasi che porteranno alla nascita di quello che poi sarà l’organismo completo: la segmentazione, la gastrulazione, l’istogenesi e l’organogenesi. La segmentazione è un processo attraverso il quale l’uovo si divide, per mitosi, in cellule uguali chiamate blastomeri, mentre la meiosi è la formazione dei gameti, le cellule sessuali. La segmentazione dipende quindi dal tipo di uovo che un determinato essere vivente produce: innanzitutto sottolineiamo che l’uovo, in generale è circondato da una membrana chiamata vitellina, e che vi sono le uova isolecitiche, con poco tuorlo, tipiche dei mammiferi, quelle centrolecitiche, con il tuorlo posizionato al centro, come nel caso degli uccelli, circondato dal citoplasma e le uova telolecitiche, in cui il tuorlo è posizionato in uno dei due poli, precisamente quello sud, chiamato vitellino o vegetativo, mentre nel polo nord, chiamato animale, vi è una maggiore presenza di citoplasma. L’uovo si segmenta dove c’è il tuorlo e il tipo di blastomero risultante dalla segmentazione dipende dal fatto che vi sia o meno presenza di tuorlo: dove non vi è la presenza del tuorlo la segmentazione sarà più veloce e dove c’è sarà più lenta. Le uova isolecitiche presentano dei blastomeri uguali mentre quelle telolecitiche presentano o dei blastomeri di dimensione maggiore, e questi saranno detti macromeri, mentre se sono di dimensioni inferiori saranno chiamati micromeri. Le uova centrolecitiche invece si segmentano dove c’è il citoplasma. L’insieme di tutti i blastomeri che si sono formati attraverso la segmentazione andranno a formare una struttura, la morula ( così chiamata in quanto avente la forma di una mora ): con la morula si conclude la segmentazione. In seguito si forma una struttura, avente l’aspetto di una sfera cava composta da tanti pallini, chiamata blastula, poi i blastomeri si posizionano alla periferia di tale struttura, andando a formare una circonferenza, e questa struttura è detta gastrula. Subito dopo la formazione della blastula inizia la gastrulazione, il cui scopo è la formazione dei foglietti germinativi, nella quale i blastomeri si posizionano al polo sud e nord della blastula, e quelli del polo sud si mettono in contatto con quelli del polo nord, formando una sacca a doppia parete: dalla parete esterna, detta ectoderma, darà origine al sistema nervoso e agli organi che metteranno in contatto l’organismo con l’esterno, mentre dalla parete interna detta endoderma, si formeranno intestino, fegato, pancreas e gli organi della vita vegetativa. Tra queste due vi è uno strato, chiamato mesoderma, dal quale si formeranno le ossa. L’organogenisi è invece la formazione degli organi mentre l’istogenesi è la formazione dei tessuti.
Hai bisogno di aiuto in Anatomia e Fisiologia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email